gonfiare

gon|fià|re
v.tr. e intr.
av. 1313; lat. cŏnflāre “soffiare”, comp. di con- con valore perfettivo e flāre “soffiare”.


AU
1a. v.tr., riempire un corpo cavo dalle pareti elastiche di aria, di gas o di fiato in modo da dilatarlo: gonfiare un pallone, le gomme della bicicletta | dilatare inspirando o espirando profondamente: gonfiare il petto, le guance
1b. v.tr., tendere una superficie soffiandovi contro: il vento gonfia le vele, le tende
2. v.tr., estens., far crescere di volume: le piogge hanno gonfiato i fiumi
3. v.tr., riempire, dilatare, spec. lasciando un senso di nausea o pesantezza: un cibo che gonfia lo stomaco, l’intestino; anche ass.: le bevande gassate gonfiano
4. v.tr., colloq., picchiare, pestare: gonfiare qcn.; gonfiare il muso, la faccia a qcn.; gonfiare di pugni
5a. v.tr., fig., esagerare, ingigantire: gonfiare una notizia | aumentare esageratamente, maggiorare: gonfiare i prezzi
5b. v.tr., esaltare qcn. con lodi eccessive facendolo insuperbire
6. v.tr. BU volg., ingravidare
7. v.intr. (essere) AU aumentare di volume, dilatarsi: la pasta lievitata sta gonfiando
8. v.intr. (essere) BU fig., sdegnarsi, reprimere a stento l’ira

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.