grattugia

grat||gia
s.f.
av. 1388; prob. dal provenz. gratuza, der. di gratar “grattare”.


CO utensile da cucina di metallo munito di fori dai bordi sporgenti e acuminati che formano una superficie scabra su cui si strofinano alimenti vari per ridurli in briciole o in poltiglia | scherz., oggetto o superficie ruvida e scabra
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.