grazia

grà|zia
s.f.
av. 1250; lat. gratĭa(m), der. di gratus “1grato”; nell’accez. 7 cfr. ingl. grace.

CO
1a. l’insieme delle caratteristiche estetiche o di comportamento che rendono qcn. o qcs. attraente e affascinante: la grazia femminile, la grazia del suo volto, dei suoi lineamenti; garbo, finezza: cantare, recitare con grazia, senza grazia, non avere grazia | gradevolezza armonica, piacevolezza di un’opera d’arte, ecc.: la grazia di una composizione musicale, di un dipinto; una prosa piena di grazia, priva di grazia
1b. al pl., attrattive, bellezze fisiche, spec. femminili: le sue grazie incantavano tutti | eufem., iron., concedere le proprie grazie, spec. di donna, acconsentire ad avere rapporti sessuali con qcn.
1c. estens., di un cibo, di una bevanda, finezza, squisitezza: un vino con una grazia particolare
2a. gentilezza, cortesia nei rapporti con gli altri, garbo: comportarsi con grazia; chiedimi le cose con un po’ più di grazia
2b. spec. al pl., benevolenza, amicizia: essere, entrare, trovarsi nelle grazie di qcn., ottenere, guadagnare, perdere, riacquistare le grazie di qcn.
3. speciale favore o beneficio: chiedere, impetrare, ottenere, concedere, elargire una grazia; fatemi la grazia di mantenere il segreto; fare grazia di qcs. a qcn., esentare, dispensare qcn. dal farla, sollevarlo da una responsabilità | troppa grazia! o troppa grazia sant’Antonio!, per indicare qcs. che si ottiene oltre il desiderabile, in eccesso
4a. TS dir. condono totale o parziale di una pena concesso a un condannato con un decreto del capo dello stato: chiedere, ottenere la grazia, fare domanda di grazia, fare grazia della vita, gli è stata fatta grazia di otto anni di reclusione
4b. CO estens., perdono, indulgenza: chiedere grazia
5. CO teol. l’insieme dei doni e degli aiuti soprannaturali che Dio concede all’uomo per guidarlo nella via della virtù e della salvezza: raggiungere la grazia di Dio | TS colloq., l’aiuto che l’uomo chiede a Dio con una preghiera: chiedere una grazia a Dio, alla Madonna | per grazia di Dio e per volontà della nazione, formula che negli atti ufficiali seguiva il nome del sovrano e attribuiva a Dio e al popolo il suo diritto di sovranità
6. OB LE virtù, merito: ho io grazie | grandi apo te? (Dante)
7. TS stor. spec. con iniz. maiusc., in Inghilterra, titolo attribuito in passato ai re e attualmente ai duchi e agli arcivescovi: Sua G., Vostra G.
8. TS mitol. pl. con iniz. maiusc., nella mitologia romana: le Grazie, le tre dee che presiedevano all’amabilità, alla giocondità e alla bellezza femminile | CO per anton., scherz. o iron., con rif. a tre ragazze carine o a tre donne che pensano di essere belle ma non lo sono: arrivano le tre grazie!
9. TS tipogr. spec. al pl., in alcuni caratteri di stampa, sottile tratto ornamentale che sporge dalle aste
10. OB TS dir. riduzione del carico fiscale concessa ai contribuenti

Polirematiche

buona grazia
loc.s.f.
var. => buonagrazia
colpo di grazia
loc.s.m.
CO
c. mortale dato per abbreviare l’agonia di qcn. o di un animale ferito | fig., qcs. che finisce di rovinare qcn., qcs.: trovarsi disoccupato gli ha dato il colpo di grazia, è stato per lui il colpo di grazia
di grazia
loc.avv.
BU
per piacere, per favore: gli chiesi, di grazia, di indicarmi la strada
fuori della grazia di Dio
loc.agg.inv.
CO
alterato, fuori di sé
grazia di Dio
loc.s.f.
CO
fam., abbondanza, ricchezza di cose buone, utili: in casa c’è ogni grazia di Dio; è un peccato sprecare tanta grazia di Dio
grazia illuminante
loc.s.f.
TS teol.
g. concessa da Dio agli uomini per aiutarli a discernere il bene dal male
in grazia di
loc.prep.
CO
con l’aiuto di: ha ottenuto il lavoro in grazia di un parente | tenuto conto di una dote o di un comportamento: ha avuto successo in grazia della sua bravura
in grazia di Dio
loc.avv.
CO
loc.agg.inv. CO senza peccato mortale: vivere, morire, essere in grazia di Dio
lume della grazia
loc.s.m.
TS filos.
secondo la filosofia scolastica, la superiore capacità della ragione umana di attingere alla verità concessa dalla grazia divina in antitesi al lume naturale
mala grazia
loc.s.f.
var. => malagrazia
ministero di grazia e giustizia
loc.s.m.
CO
m. preposto all'amministrazione della giustizia civile e penale
ministro di Grazia e Giustizia
loc.s.m.
CO
guardasigilli
momento di grazia
loc.s.m.
CO
periodo particolarmente favorevole spec. nell’esistenza o nella carriera di qcn.: essere, trovarsi in un momento di grazia
per grazia di Dio
loc.avv.
CO
fam., per fortuna: ha passato l'esame per grazia di Dio
per grazia ricevuta
loc.avv.
CO
formula degli ex voto (abbr. p.g.r.).
stato di grazia
loc.s.m.
1. TS teol. condizione di chi gode della grazia santificante
2. CO estens., condizione di particolare euforia, ispirazione, capacità di rendimento
tenore di grazia
loc.s.m.
TS mus.
t. che dispone di una voce acuta e particolarmente agile
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità