hybris

h|bris
s.f.inv. 
1947; dal gr. húbris "violenza immotivata, oltraggio".

TS filos.
trasgressione , violazione del limite e del giusto mezzo , nell’antica Grecia vissuta fin dai tempi omerici e poi teorizzata come l’errore umano più grave e più gravido di pericolose conseguenze per chi se ne rendesse responsabile , centrale in vicende mitiche , nei testi letterari , spec. drammatici , e nelle riflessioni filosofiche
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità