idea

i||a
s.f.
1304-08; dal lat. ĭdĕa(m), dal gr. idéa, connesso con la radice *wid- in eîdon, aoristo di oráō “vedo, guardo”, cfr. lat. vidēre.


1a. FO nozione elaborata dall’intelletto, rappresentazione mentale di un ente reale o astratto: idea chiara, esatta, precisa, giusta, sbagliata, confusa; l’idea del bene, del male, di Dio, del tempo e dello spazio
1b. TS filos. immagine che l’intelletto si forma di ciò che è oggetto di conoscenza | nella filosofia platonica, forma eterna puramente intelligibile corrispondente all’essenza delle cose sensibili e contingenti | nella filosofia di Kant, concetto fondamentale della ragione che regola l’attività della conoscenza | nella filosofia di Hegel, l’assoluto concepito come sintesi dialettica di soggettività e oggettività
2. FO nozione schematica, elementare: non avere la minima idea, la benché minima idea, non avere la più pallida idea di qcs.; non chiedermi di che cosa si tratti, perché ne ho appena una vaga idea
3. FO possibilità, immagine concepita dal pensiero o dalla fantasia: basta l’idea di un panino a farmi venire l’acquolina in bocca; la sola idea di lavorare mi getta nello sconforto | prospettiva: l’idea di incontrarla mi riempie di gioia
4. FO modo di pensare e di vedere le cose; opinione, convincimento: esprimere, manifestare le proprie idee; avere idee anguste, ristrette, liberali, stravaganti; coerenza di idee; ciascuno ha le sue idee, cambiare idea; essere dell’idea: ritenere; essere dell’idea di qcn.: avere la sua stessa opinione | opinione infondata, fantasia irrealizzabile; pregiudizio: sono tutte idee; che la pasta ti faccia male è solo una tua idea
5. FO progetto, disegno da tradurre in realtà: accarezzare un’idea; levarsi un’idea dalla testa; è partito con l’idea di vendicarsi; una bella idea, ma difficile da realizzare | scopo, ideale: è vissuto sempre con quell’idea
6. FO trovata, invenzione: m’è venuta un’idea!, che idea!; un’idea geniale, luminosa, brillante; l’idea mi piace!; essere una fucina di idee; anche come esclamazione, per annunciare di aver trovato la soluzione di un problema: idea, spostiamo l’armadio per avere più spazio! | iron., pensata, trovata: bell’idea uscire a quest’ora!
7a. FO motivo ispiratore, spunto spec. di un’opera artistica o letteraria: l’idea del romanzo è presa da un fatto di cronaca, l’idea centrale, l’idea guida di una narrazione | motivo musicale: l’idea tematica del primo movimento della sinfonia | contenuto nuovo e originale: un libro pieno di idee
7b. FO traccia, schema: un’idea di programma, un’idea di riforma
8. FO principio sostanziale, fondamento teorico di una dottrina politica, religiosa, filosofica, ecc.; ideologia: l’idea comunista, cristiana, della non-violenza | dottrina o concezione, spec. filosofica o politica: le idee di Gandhi, di Marx, di Hegel, libera circolazione delle idee | spec. al pl., l’insieme delle riflessioni che toccano i principali problemi filosofici, religiosi, etici o politici dell’umanità: la storia, il progresso, l’evoluzione delle idee
9. FO quantità minima: un’idea di rosso sulle labbra; un’idea di aceto, di sale
10. CO vaga somiglianza: la villa ha un’idea dei palazzi romani

Polirematiche

avere idea
loc.v.
CO
1. sapere vagamente, immaginare: non hai idea di quel che t’aspetta, una violenza, una sfrontatezza che non hai idea!
2. sospettare, temere: ho idea che non verrà, ho idea che sarà bocciato
avere le idee chiare
loc.v.
CO
sapere ciò che si vuole
chiarirsi le idee
loc.v.
CO
schiarirsi le idee.
dare l’idea
loc.v.
CO
suscitare una certa impressione, lasciar immaginare, ricordare nell’aspetto: mi dà l’idea di un muro poco stabile, mi dà l’idea di essere un film divertente, il cielo così scuro mi dà l’idea che presto pioverà
dare un’idea
loc.v.
CO
far venire in mente una soluzione: mi ha dato un’idea per arredare l’appartamento | descrivere per sommi capi, dare una nozione approssimativa: dammi un’idea del tuo progetto
farsi delle idee
loc.v.
CO
illudersi rispetto ai sentimenti o alla disponibilità di qcn.
farsi un’idea
loc.v.
CO
conoscere, valutare qcs. nei suoi aspetti generali: farsi un’idea del lavoro da svolgere
idea fissa
loc.s.f.
CO
convinzione infondata, mantenuta a dispetto dell’evidenza dei fatti; fissazione: ha l’idea fissa che la licenzieranno
idea innata
loc.s.f.
TS filos.
nel pensiero cartesiano, idea che esiste nell’uomo indipendentemente da qualsiasi altra esperienza.
manco per idea
loc.inter.
CO
neanche per sogno
mondo delle idee
loc.s.m.
TS filos.
nella dottrina platonica, il m. trascendente contrapposto alla realtà sensibile
neanche per idea
loc.inter.
CO
neanche per sogno
nemmeno per idea
loc.inter.
CO
neanche per idea
neppure per idea
loc.inter.
CO
neanche per sogno
ordine di idee
loc.s.m.
CO
modo di pensare, ottica: entrare in un certo ordine di idee
raccogliere le idee
loc.v.
CO
riflettere, organizzare razionalmente i propri pensieri in relazione a un determinato argomento, a una questione e sim.: fermarsi a raccogliere le idee
rendere l’idea
loc.v.
CO
far capire in modo chiaro e immediato: ho reso l’idea?, questo esempio rende l’idea di ciò che voglio dire
schiarire le idee
loc.v.
CO
far capire meglio le cose a qcn.: gli ho schiarito le idee con un bel discorso.
schiarirsi le idee
loc.v.
CO
riflettere, far in modo che le proprie idee o pensieri siano chiari, spec. prima di agire.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità