ignaro

i|gnà|ro
agg.
sec. XIV; dal lat. ignāru(m), comp. di in- con valore privat. e gnarus “esperto, pratico”.


CO
1a. che non sa, che è all’oscuro: essere ignaro del pericolo, dell’accaduto
1b. impreparato, inesperto: essere ignaro della vita; anche ass.: un giovane ancora ignaro
2. BU lett., ignorante
3. LE fig., spec. dell’amore o della fortuna, cieco: Amor chiamato da ciascuno ignaro (Boccaccio)
4. LE rozzo, volgare: non bisogna | ch’io ponga mente al vulgo sciocco e ignaro (Ariosto)
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità