imporre

im|pór|re
v.tr., v.intr.
1219 nell'accez. 2; lat. impōnĕre, v. anche porre.


1. v.tr. FO fig., far eseguire, far rispettare: imporre un obbligo, imporre l’ordine, imporre una legge; far valere, costringere ad accettare: imporre la propria volontà, la propria presenza; imporre dure condizioni di pace | imporre tasse, tributi, ingiungerne il pagamento | OB tassare: imporre il grano, la farina; anche ass.
2. v.tr. FO comandare, ordinare: imporre a qcn. di fare qcs.; imporre di tacere, di firmare; imporre la restituzione di una somma di denaro; imporre il silenzio, far tacere
3. v.tr. FO esigere, richiedere: le circostanze impongono riserbo, un mestiere che impone sacrifici
4. v.tr. BU lett., porre, mettere sopra: imporre la corona, imporre un peso sulle spalle di qcn. | imporre un nome, attribuirlo, darlo, spec. con il battesimo | imporre le mani, porle sul capo di qcn. per benedirlo o consacrarlo
5a. v.tr. OB LE assegnare, concedere: ’l tempo che n’è imposto | più utilmente compartir si vuole (Dante)
5b. v.tr. OB LE attribuire, imputare: a lui non ho questo peccato imposto (Ariosto)
6. v.tr. OB LE incominciare a tessere, ordire: con più color sommesse e soprapposte | non … fuor tai tele per Aragne imposte (Dante)
7. v.intr. (avere) BU suscitare rispetto, ammirazione: un uomo che impone, un aspetto che impone
8. v.intr. (avere) LE darla a intendere, ingannare; sedurre con false apparenze
9. v.intr. (avere) RE tosc., del grano, allegare

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità