inesorabile

i|ne|ṣo||bi|le
agg.
1374 nell'accez. 2; dal lat. inexorabĭle(m), comp. di in- con valore privat. ed exorabilis “che si può vincere con le preghiere”, cfr. gr. aparaítētos.


CO
1a. che non si lascia piegare dalla pietà o dalle preghiere: giudice, tiranno inesorabile; il vincitore fu inesorabile con i nemici
1b. estens., crudele, spietato: vendetta inesorabile, punire con mano inesorabile
2. di qcs., cui è impossibile sottrarsi o contro cui non c’è rimedio: un destino inesorabile, l’inesorabile trascorrere del tempo, un male inesorabile
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità