inghiottire

in|ghiot||re
v.tr.
2ª metà XIII sec; lat. tardo inglŭttīre, comp. di in- “dentro” e gluttīre “inghiottire”.

AU
1a. far passare dalla bocca all’esofago o alla faringe: inghiottire un boccone, la saliva, avere difficoltà a inghiottire
1b. ingerire spec. involontariamente: inghiottire il nocciolo di una ciliegia
2. fig., reprimere, trattenere: inghiottire il pianto, inghiottire la rabbia | subire senza reagire, sopportare: inghiottire un insulto, un’offesa
3. fig., far sparire, nascondere alla vista: li ha inghiottiti la nebbia, fu inghiottito dalle tenebre | risucchiare: furono inghiottiti da una voragine, le onde hanno inghiottito la nave
4. fig., consumare: inghiottire tutti i propri capitali in un investimento sbagliato

Polirematiche

inghiottire amaro
loc.v.
CO
essere costretti a subire un torto, un’offesa, un rimprovero immeritato e sim., senza poter reagire e senza potersi rassegnare
inghiottire amaro e sputare dolce
loc.v.
CO
dissimulare il proprio malcontento o dispiacere
inghiottire il rospo
loc.v.
CO
ingoiare il rospo.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità