innocenza

in|no|cèn|za
s.f.
av. 1321; dal lat. innocĕntĭa(m), der. di innocens, -entis “innocente”.

CO
1. l’essere innocente; mancanza di colpa o di responsabilità morale o giuridica, non colpevolezza: dichiarare, dimostrare la propria innocenza
2a. BU ignoranza del male, incapacità di comprendere e di commettere il male, propria spec. dell’età infantile: conservare l’innocenza della fanciullezza | per meton., persona d’animo innocente | l’età infantile stessa
2b. CO mancanza di malizia, di un secondo fine: una domanda fatta con innocenza | ingenuità o falsa ingenuità; beata innocenza!, con rif. a frasi sconvenienti dette da bambini senza malizia o da persone ingenue o che si mostrano tali
3. TS teol. nella teologia cattolica, condizione dell’anima esente da peccato
4. BU innocuità
5. LE fig., limpidezza, chiarezza: era un mattino pieno d’innocenza (D’Annunzio)

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità