istituzione

i|sti|tu|zió|ne
s.f.
sec. XIV nell'accez. 3b; dal lat. institutiōne(m), v. anche istituire, cfr. sup. lat. institutum.

FO
1. AU fondazione, creazione, introduzione: istituzione di una forma di governo, istituzione di una festa, istituzione di una cattedra universitaria
2a. TS dir. designazione testamentaria di un erede | costituzione di un legato o di un fedecommesso
2b. OB elezione, investitura a una carica
3a. AU modo stabile di organizzazione della vita individuale e associata, regolato da norme sociali, religiose, giuridiche e profondamente radicato nella coscienza della vita collettiva, che produce comportamenti uniformi: crisi delle istituzioni
3b. AU struttura sociale o politica così prodotta: istituzioni repubblicane
3c. CO persona molto attiva e popolare in una particolare cerchia sociale, e altamente rappresentativa di essa: per il paese è diventato un po’ un’istituzione
4a. BU attività, comportamento che assume valore psicologico profondo
4b. CO colloq., consuetudine, tradizione: la partita a carte del venerdì sera è diventata un’istituzione
5a. OB istruzione come formazione generale della persona
5b. OB addestramento in una specifica disciplina e attività
6. AU spec. al pl., introduzione a una disciplina attraverso la trattazione dei principi fondamentali di essa | testo scritto che contiene lo svolgimento di tale introduzione
7. AU al pl., corso universitario che introduce ai successivi approfondimenti di una disciplina | la materia d’insegnamento e d’esame di tale corso: istituzioni di diritto romano

Polirematiche

istituzione canonica
loc.s.f.
TS dir.can.
promozione a un ufficio ecclesiastico | istituto eretto e approvato dalla Chiesa
istituzione pubblica
loc.s.f.
CO
al pl., complesso degli organi politici e istituzionali di uno stato
istituzione sociale
loc.s.f.
CO
al pl., i modi di organizzazione della società civile.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità