lacuna

la||na
s.f.
av. 1304; dal lat. lacūna(m), der. di lacus “lago”; nell’accez. 1b cfr. lat. mod. lacuna.


1a. CO interruzione, soluzione di continuità, intervallo o spazio vuoto creato da assenza o mancanza | estens., mancanza, omissione, dimenticanza: presentare forti lacune nella preparazione di una materia, avere gravi lacune nella memoria
1b. TS filol. in un manoscritto o in un testo stampato, mancanza di parole, righe o pagine
2a. TS biol. cavità, spazio privo di pareti proprie istologicamente differenziate
2b. TS anat. piccola depressione o cavità | impropr., spec. al pl., seno dei linfonodi e della milza
3. TS fis. in un semiconduttore, spostamento di un elettrone in una banda in cui può muoversi liberamente e dare luogo al trasporto di corrente, con conseguente riduzione di una unità nella banda elettronica più alta
4. OB LE laguna

Polirematiche

campire le lacune
loc.v.
TS arte
nella tecnica del restauro, coprire con tinte neutre e prive di chiaroscuri le zone in cui il dipinto è andato distrutto.
colmare una lacuna
loc.v.
CO
1. supplire alla mancanza di una cosa di cui si sentiva il bisogno
2. completare la propria preparazione su una materia particolare.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità