latino

la||no
agg., s.m.
av. 1294 nell'accez. 4a; dal lat. Latīnu(m), der. di Latium, nome dell'antica regione fra il Tevere e la Campania.


AU 
1. agg., dell’antico Lazio o degli antichi romani: la lingua, la civiltà latina | agg., s.m., nativo o abitante dell’antico Lazio o dell’antica Roma
2. agg., estens., neolatino: le nazioni latine
3. agg., cattolico romano: rito latino
4a. s.m., lingua indoeuropea del gruppo italico, parlata inizialmente dalle antiche popolazioni latine, poi diffusasi, con l’espandersi del dominio politico di Roma, in Italia, nell’Europa transalpina, nel Mediterraneo occidentale e nella penisola balcanica, ma non in Grecia e nelle aree orientali dell’Impero, con ricca documentazione epigrafica (dal sec. VII a.C.) e letteraria (dal sec. III a.C.) (abbr. lat.) | agg., relativo a tale lingua: sintassi, grammatica latina
4b. s.m., la lingua e la letteratura latina in quanto disciplina di studio e materia di insegnamento scolastico: professore, lezione di latino
5. agg. TS ling. di alfabeto, che impiega i caratteri della lingua latina, tipico delle principali lingue moderne europee, con l’esclusione del greco e di altre lingue di area slava e balcanica
6. s.m. OB LE modo di esprimersi, discorso: per chiare parole e con preciso | latin rispuose (Dante)
7. s.m. CO lingua, argomento, espressione incomprensibile: questo per me è latino
8. agg. OB LE italiano: quella dolce terra | latina (Dante); anche s.m.: dinne s’alcun latino è tra costoro (Dante) | della lingua italiana: la giovane, udendo la favella latina, dubitò (Boccaccio); anche in funz. avv.: parlando latino la domandò… (Boccaccio)
9. agg. OB LE comprensibile: la vostra voce sì dolce e latina (Dante) | facile, chiaro: sì che raffigurar m’è più latino (Dante)
10. agg. OB di persona, incline, disposta a far qcs.


Polirematiche

alla latina
loc.avv.
CO
secondo l’uso latino
basso latino
loc.s.m.
TS lett.
=> latino tardo
capire il latino
loc.v.
CO
c. ciò che è sottinteso in un discorso o ciò che si vuol significare con un altro
croce latina
loc.s.f.
1. CO c. con il braccio verticale più lungo di quello orizzontale, come quella su cui si crede sia stato crocifisso Gesù Cristo
2. TS arald. pezza onorevole a forma di tale croce
3. TS arch. spec. nelle basiliche romaniche e gotiche: tipo di pianta a forma di croce, in cui il braccio corto taglia quello lungo a circa un terzo della sua lunghezza: pianta, chiesa, edificio a croce latina
latino argenteo
loc.s.m.
TS lett.
il latino letterario dall’età di Tiberio al IV sec. d.C.
latino aureo
loc.s.m.
TS lett.
il latino letterario dell’età di Cesare e di Augusto
latino classico
loc.s.m.
TS ling.
il latino letterario dell’epoca classica, fino al IV sec. d.C.
latino cristiano
loc.s.m.
TS ling.
l. in uso presso le comunità cristiane e i padri della Chiesa, di registro spesso più semplificato rispetto a quello classico, ricco di prestiti e di calchi dal greco cristiano ed ecclesiale
latino ecclesiastico
loc.s.m.
TS ling.
l. della tradizione liturgica della Chiesa cristiana medievale e, dopo la riforma, della Chiesa cattolica romana
latino maccheronico
loc.s.m.
TS lett.
1. => maccheronico
2. estens., anche scherz., linguaggio artificiale che parafrasa il latino, facendo uso di un vocabolario e di una grammatica talora inesistenti in tale lingua
latino medievale
loc.s.m.
TS ling.
l., posteriore al VI sec. d.C., formatosi nella tradizione giuridico-notarile, medica, teologico-filosofica, aperto a innovazioni che talora corrispondono a quelle di lingue moderne, neolatine e non
latino moderno
loc.s.m.
TS ling.
l. in uso negli scritti eruditi, scientifici e religiosi dal XVI al XVIII sec.
latino preromanzo
loc.s.m.
TS ling.
l., scritto o parlato, del periodo che precede il sorgere delle lingue romanze, considerato spec. in rapporto ai fenomeni che avranno sviluppo in esse
latino rustico
loc.s.m.
TS ling.
l. parlato spec. nelle campagne e nei centri minori già in età classica e che probabilmente anticipava tratti volgari e romanzi (orum per aurum, caduta delle consonanti finali e sim.)
latino scientifico
loc.s.m.
TS ling.
l. moderno impiegato nella terminologia e nella nomenclatura di varie scienze
latino tardo
loc.s.m.
TS ling.
la fase più avanzata della lingua latina dopo il IV sec. d.C.
latino umanistico
loc.s.m.
TS ling.
l. di epoca umanistica caratterizzato dalla ripresa di norme grammaticali, lessicali e stilistiche del latino classico
latino volgare
loc.s.m.
TS ling.
l. parlato nelle varie regioni dell’Impero, di cui si ha occasionale testimonianza in scritti tecnici, o letterari in funzione espressiva, o in iscrizioni, che viene ricostruito mediante comparazione fra le lingue romanze.
sapere di latino
loc.v.
LE
iron., essere colto, istruito: suggerire a lei che sa di latino! (Manzoni)
scrittura latina
loc.s.f.
TS ling.
s. basata sull’alfabeto latino del mondo occidentale
vela latina
loc.s.f.
TS mar.
v. di taglio triangolare con il lato prodiero inferito a un’antenna
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.