1leva

|va
s.f.
av. 1400; der. di levare.


1. AU TS fis. macchina semplice costituita da un corpo rigido, normalmente una sbarra, poggiato su un punto fisso, detto fulcro, e soggetto alle due forze della potenza e della resistenza applicate in due suoi punti, utilizzata praticamente per sollevare pesi o per vincere resistenze: sollevare un masso con una leva
2a. AU asta o sbarra su cui si agisce manualmente per mettere in funzione un dispositivo meccanico, aprire o chiudere un circuito elettrico e sim.: leva di uno scambio ferroviario, azionare la leva del generatore
2b. TS med. strumento simile a un’asta piatta usato per l’estrazione di frammenti ossei, per la riduzione di fratture e lussazioni, per la rimozione di viti e chiodi di osteosintesi e sim. | strumento simile a uno scalpello per estrarre le radici dentarie | strumento ostetrico per estrarre il feto dal canale del parto
2c. TS arm. sorta di forcella per tendere l’arco della balestra | nelle armi da fuoco portatili, spec. in alcune carabine del sec. XIX, guardamano in cui si inseriscono le ultime tre dita della mano destra per azionare più agevolmente con l’indice il movimento della ripetizione
3. AU fig., stimolo, forte impulso a compiere un’azione: questa è stata la leva che lo ha indotto a partire, usare la leva del denaro, dell’interesse
4. TS sport => chiave
5a. TS venat. sistema di allettamento formato da un’asticciola di legno, cui è legato un uccello da richiamo che si muove mediante una cordicella
5b. TS venat. lo stanare e far alzare in volo la preda: cane da leva

Polirematiche

fare leva
loc.v.
CO
applicare una leva a qcs. per sollevarlo o spostarlo: fare leva sotto il coperchio di una cassa | fig., agire su qcn. sfruttandone i sentimenti o gli aspetti del carattere più vulnerabili: fare leva sulla generosità di qcn.
fucile a leva
loc.s.m.
TS arm.
f. non automatico, spec. carabina americana del XIX secolo, che ha il guardamano forgiato in modo che si possano infilare tre dita per azionare il movimento della ripetizione
leva del cambio
loc.s.f.
CO
quella che negli autoveicoli aziona il cambio di velocità
leva di comando
loc.s.f.
TS aer.
→ cloche
leva di primo genere
loc.s.f.
TS fis.
l. in cui il fulcro sta tra la potenza e la resistenza, come ad es. nelle forbici o nelle tenaglie
leva di secondo genere
loc.s.f.
TS fis.
l. in cui la resistenza sta tra il fulcro e la potenza, come ad es. nella carriola o nello schiaccianoci
leva di terzo genere
loc.s.f.
TS fis.
l. in cui la potenza sta tra il fulcro e la resistenza, come ad es. nelle molle o nell’avambraccio
leve del comando
loc.s.f.pl.
CO
l’autorità e i mezzi necessari per l’esercizio del potere: tenere, avere in mano le leva del comando
leve del potere
loc.s.f.pl.
CO
leve del comando.
serratura a leve
loc.s.f.
TS tecn.
s. in cui il catenaccio è comandato da una serie di leve aventi una particolare sagomatura, che la chiave, sagomata in maniera corrispondente, sposta mettendo in movimento il catenaccio
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità