lo

lo
art.det.m.sing., pron.pers. di terza pers.m.sing.
ca. 1224; lat. (ĭl)lu(m), acc. di ille “quello”.

FO
I. art.det.m.sing. 
1. si usa, con le stesse funzioni di il, davanti a vocaboli maschili singolari che cominciano per vocale, semivocale, s seguita da consonante, x, z, pn, ps, gn, bd, cn: l’errore, l’inchiostro, Ionio, stormo, gnomo, psicogo, xifono, zufo
2. si usa davanti a consonante semplice nelle cuzioni per più, per meno | in usi antichi e letterari, nei casi in cui modernamente è d’obbligo il: per cammino alto e silvestro (Dante)
II. pron.pers. di terza pers.m.sing.
1. forma atona di egli, lui, usata come complemento oggetto, in posizione proclitica o enclitica, riferita a persone o cose grammaticalmente di genere maschile: l’ho visto ieri; gli ho lasciato un appunto, spero che legga; ecco qui Mario; ecco il tuo caffè, bevi finché è caldo; in posizione enclitica spec. dopo verbi di modo indefinito: bisogna andar a chiamare, vedendo gli corse incontro
2. riferito a una proposizione precedente o con funz. prolettica, ciò: ci sono novità, me ha detto lui; sapevo che sarebbe tornato; con funz. predicativa in unione con essere, diventare e sim.: se ne è capace lui, sei anche tu; prima non era così magro, è diventato dopo la dieta
3. con vare pleon. e raff. in frasi impers.: si sente dire, si sa
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.