magistrato

ma|gi|strà|to
s.m.
av. 1332; dal lat. magistrātu(m), acc. di magistratus, -us, der. di magister “funzionario, capo”.


1. TS stor. nell’antichità classica e nell’età comunale, carica politica o ufficio pubblico di struttura individuale o collegiale, di durata temporanea e di carattere elettivo
2a. AU chi è investito dell’autorità giurisdizionale ed esercita la funzione di amministrare la giustizia: magistrato amministrativo, magistrato inquirente, magistrato di cassazione
2b. AU estens., giudice: rivolgersi al magistrato per risolvere una questione

Polirematiche

magistrato del Po
loc.s.m.
TS ammin.
organo istituito nel 1956 con il compito di organizzare il piano per la sistemazione idraulica del Po e di svolgere per questa estensione territoriale i compiti spettanti al magistrato delle acque
magistrato delle acque
loc.s.m.
1. TS stor. nella Repubblica di Venezia, nel XVI sec., organo che aveva il compito di conservare la laguna veneta
2. TS ing.civ. organo che svolge le funzioni degli ingegneri capi del genio civile relativamente alle acque pubbliche
magistrato di sorveglianza
loc.s.m.
TS dir.
m. incaricato di vigilare, nell’ambito della propria competenza territoriale, sull’organizzazione degli istituti di prevenzione e di pena e sull’esecuzione delle misure preventive.
ordine dei magistrati
loc.s.m.
CO
magistratura
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità