mai

mai
avv.
1158; lat. magis "più".


FO
1a. in proposizioni negative, in nessun tempo, nessuna volta, in nessun caso: non l’ho mai conosciuto, nessuno c’è mai stato, non arrivi mai in tempo; non si sa mai, non si può mai dire, non si può mai sapere, per indicare la possibilità che un evento si realizzi | anche con il verbo sottinteso: lui l’ha già fatto, io mai, chiedimi qualsiasi altra cosa, ma questo mai! | rafforzato: mai più, mai e poi mai | ass., come risposta esprime una negazione molto forte: «Vi arrendete?» «M.!», «Accetta!» «M.!»
1b. premesso al verbo, senza alcuna altra negazione, ha valore enfatico: mai mi sarei aspettato una cosa così; fam., seguito da che in proposizioni esclamative: mai che mi ascolti!, mai che ti ricordi di telefonare!
2a. in proposizioni interrogative dirette o indirette, una volta, qualche volta, in qualsiasi tempo: sei mai stato in Francia?, dimmi se l’hai mai visto | in proposizioni esclamative: ci fosse mai qualcuno che mi aiuta!; non sia mai!, per scongiurare la possibilità che un evento indesiderato si realizzi
2b. premesso a un avverbio o a un pronome interrogativo, ha valore enfatico: quando mai l’ho detto?, perché mai?, chi mai è stato?
3. in proposizioni comparative, in nessun altro tempo, nessun’altra volta: sei più bella che mai, è più mai che necessario, non lo feci allora, e adesso meno che mai, è stato disponibile quanto altro, quanto altri mai | BU colloq., con valore intensivo: ho una fame che mai
4. OB LE come rafforzativo, premesso a sempre: se voi mi prestate cinque lire… io sempre mai poscia farò ciò che voi vorrete (Boccaccio) | premesso a, no: mai sì che lo conosco (Boccaccio)
5. OB in prop. negative, più: sparve il palagio, e mai non fo veduto (Boiardo)


Polirematiche

caso mai
loc.cong.
loc.avv., var. => casomai
come mai
loc.avv.
CO
perché, per quale ragione: come mai non sei venuta ieri sera?, mi chiedo come mai non telefona
già mai
loc.avv.
OB
var. => giammai.
il giorno del mai
loc.s.m.
CO
scherz., periodo di tempo che non verrà mai; spec. in funz. avv.: lo farò, succederà il giorno del mai
mai no
loc.avv.
OB
var. => mainò
mai sì
loc.avv.
OB
var. => maisì.
meno che mai
loc.avv.
CO
men che meno
più che mai
loc.avv.
CO
ancora di più, molto di più: ne sono convinto più che mai
quanto mai
loc.avv.
CO
1. come mai prima: è stato un marzo freddo quanto mai, mi sono divertito quanto mai
2. estens., oltremodo, assai: un tipo quanto mai affascinante
sempre mai
loc.avv.
OB
sempre, continuamente, ininterrottamente: di vostra terra sono, e sempre mai | l’ovra di voi e li onorati nomi | con affezion ritrassi e ascoltai (Dante) | da questo momento o da un certo momento in poi, d’ora in avanti: se voi mi prestate cinque lire … io sempre mai poscia farò ciò che voi vorrete (Boccaccio).
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità