medesimo

me||ṣi|mo
agg.dimostr., pron.dimostr.m. 
1304-08; lat. *metĭpsĭmu(m), superl. di metipse "io stesso".


FO
1a. agg.dimostr., indica identità rispetto ad altra persona o cosa: siamo arrivati alla medesima conclusione | rafforzato da stesso con valore pleon.: è la stessa medesima storia!
1b. agg.dimostr., posposto, ha valore raff.: il ragazzo medesimo, le regole medesimo lo impongono
1c. agg.dimostr., preceduto da un pron.pers., ha valore raff.: siamo responsabili noi medesimi | LE con valore raff., segue i pronomi personali meco, teco e seco: io alcuna volta meco medesima fingeva lui dovere ancora, indietro tornando, venirmi a vedere (Boccaccio)
2. agg.dimostr. FO uguale per grandezza, quantità o qualità: hanno la medesima forma, due oggetti del medesimo peso
3a. pron.dimostr.m. FO la stessa persona: è il medesimo che ho visto ieri
3b. pron.dimostr.m. CO solo sing., con valore neutro, la stessa cosa: per lui è il medesimo; essere al medesimo: essere alle solite | in funz. avv. e posposto a un altro avverbio, ha valore raff.: qui medesimo, proprio qui, esattamente qui

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità