mescolare

me|sco||re
v.tr.
sec. XIV; dal lat. mediev. mĭscŭlāre, iter. di miscēre.


AU
1. mettere insieme due o più sostanze solide o liquide in modo da formare un insieme più o meno omogeneo: mescolare olio e aceto, mescolare acqua e vino | estens., bere bevande alcoliche diverse a breve distanza fra loro: è meglio evitare di mescolare vino e liquori; anche ass.: che sbronza! ieri sera ho mescolato troppo
2. rimestare, agitare, con movimento regolare e mediante appositi strumenti un miscuglio, una sostanza liquida o pastosa, un’emulsione, ecc.: mescolare la polenta, l’insalata; anche ass.: bisogna mescolare sempre, altrimenti il risotto attacca
3. fig., confondere, accostare in modo arbitrario: mescolare stili diversi, mescolare il sacro e il profano
4. estens., mettere in disordine e alla rinfusa mutando l’ordine o la collocazione normale: per sbaglio ho mescolato i fogli che stavano sulla scrivania
5. TS elettron. in radiotecnica, sovrapporre due o più tensioni o correnti elettriche

Polirematiche

mescolare ebrei e samaritani
loc.v.
CO
scherz., mettere assieme cose disparate
mescolare le carte
loc.v.
CO
fig., confondere volutamente le cose, le idee ecc.: continua a mescolare le carte, non capisco dove voglia andare a parare.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità