miele

miè|le
s.m., s.m.inv., agg.inv.
1241; lat. mĕl, s.nt.


AU
1. s.m., sostanza zuccherina elaborata dalle api, di consistenza densa e vischiosa e colore variabile dal giallo pallido al bruno rossiccio, usato come alimento o in farmacia come eccipiente ed edulcorante: miele di acacia, di castagno, di tiglio, miele vergine, miele raffinato; dolce come il miele, dolcissimo, anche fig. con riferimento a persona
2. s.m., estens., sostanza estremamente dolce: questa frutta è un miele
3. s.m., fig., dolcezza, soavità, talora falsa e ambigua: una persona tutta miele
4. s.m.inv., color biondo ambrato | agg.inv., di tale colore: una blusa miele

Polirematiche

di miele
loc.agg.inv.
CO
di modi, atteggiamenti, parole e sim., dolci, soavi
latte e miele
loc.s.m.inv.
loc.agg.inv., var. => lattemiele
luna di miele
loc.s.f.
CO
periodo iniziale di un matrimonio; viaggio di nozze: due sposini in luna di miele
miele depurato
loc.s.m.
TS farm.
m. riscaldato a bagno maria e filtrato, utilizzato in farmacia come costituente di vari preparati come ad es. i melliti
miele vergine
loc.s.m.
CO
m. che cola dai favi prima che questi siano sottoposti a spremitura.
vino di miele
loc.s.m.
CO
idromele
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità