migliore

mi|gliò|re
agg., s.m. e f., avv. 
1219; lat. meliōre(m), compar. di bonus "1buono".


FO
1. agg., compar. di 1buono, che è più ricco di qualità positive e doti morali: quella donna è migliore di quanto sembra, ha un carattere migliore del tuo | preceduto dall’articolo determinativo forma il superlativo relativo: sei il migliore della classe, è la persona migliore che abbia mai conosciuto
2. agg., che è più abile, capace o diligente nell’esercizio di un’arte, di una professione, di un’attività: il miglior giocatore, il miglior poeta del Quattrocento, il miglior scultore del momento | agg., di animale, particolarmente adatto allo scopo cui serve: questo è il mio miglior cavallo, non c’è miglior cane da caccia
3. agg., che è superiore per qualità, valore o pregio: indossare gli abiti migliori, è la miglior stoffa che offre il mercato, non ho mai assaggiato un vino migliore
4. agg., più conveniente: hai comprato a un prezzo migliore
5. agg., più soddisfacente: ha ottenuto il voto migliore della classe, il consiglio migliore che potevo ricevere
6. agg., più opportuno, più adatto: hai risolto la questione nel modo migliore, non potevi trovare soluzione migliore
7. agg., più sano, più prospero: hai un aspetto migliore di ieri, essere in migliori condizioni di salute | più sereno e disteso: oggi sei di umore migliore
8. s.m. e f., chi è moralmente e intellettualmente superiore agli altri: bisogna seguire l’esempio dei migliori, per me sei il migliore
9. agg. LE maggiore: la miglior parte dei filosofi (Leopardi)
10. s.m. OB condizione preferibile, più vantaggiosa: scegliere il migliore
11. avv. OB nel modo più agevole, più comodo; meglio


Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità