mimesi

mi||ṣi, mì|me|ṣi
s.f.inv.
1598; dal lat. mimēsi(n), dal gr. mímēsis, der. di miméomai “imito, riproduco”.


1. BU imitazione
2. TS filos. nella filosofia platonica, il rapporto di imitazione che lega le cose del mondo sensibile alle realtà universali e sovrasensibili delle idee
3a. TS filos. nell’estetica aristotelica e in quelle che a essa fanno riferimento, l’imitazione della realtà e della natura che si suppone essere a fondamento della creazione artistica
3b. TS lett. nella critica letteraria contemporanea, la rappresentazione di una realtà ambientale, sociale, culturale e sim. condotta nel modo più possibile realistico e impersonale
4. TS psic. simulazione isterica di una malattia | imitazione involontaria dei sintomi che un altro paziente presenta
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità