minchia

mìn|chia
s.f.
av. 1488; dal merid. minchia, dal lat. mĕntŭla(m), prob. connesso con mingĕre "urinare".


 AU 
1. volg., pene
2. colloq., volg., in frasi negative, niente, nulla: non capisce una minchia
3. colloq., volg., con valore interiettivo, per esprimere meraviglia, impazienza e sim., o anche rabbia, ira: minchia, che noia!, minchia, ma mi vuoi stare ad ascoltare quando ti parlo? | con valore pleonastico e rafforzativo: che minchia dici?, ma che minchia vuoi che ne sappia!
4. OB uomo sciocco, stupido

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità