mio

|o
agg.poss. di prima pers.sing., pron.poss. di prima pers.sing.
av. 1292; lat. mĕu(m).


FO
I. agg.poss. di prima pers.sing.
I 1. indica proprietà, possesso; che appartiene a me: la mia camera, il mio ufficio, i miei libri, le mie pantofole; posposto: questa è roba mia non tua, voglio andare a casa mia!
I 2. che fa parte di me, che è inerente a me, che è manifestazione di me: il mio cuore; i miei nervi; la mia fantasia, volontà; i miei pensieri, le mie speranze
I 3. estens., fatto, detto o scritto da me; che procede da me: il mio ultimo libro, la mia lettera, il mio primo discorso in pubblico, i miei ordini
I 4a. indica relazione di parentela; rifiuta l’articolo determinativo quando è seguito da un sostantivo che sia singolare o non sia accompagnato da attributo, apposizione o altra determinazione: mio padre, mio nonno, il mio caro zio, i miei fratelli; accetta l’articolo determinativo quando precede un sostantivo alterato o di tono affettuoso: la mia sorellina, il mio figliolo; può essere preceduto dall’articolo determinativo con oscillazioni nell’uso regionale: il mio papà, mio papà, la mia mamma, mia mamma | anche posposto, spec. in frasi esclamative o vocative: padre mio!, fratello mio!
I 4b. può indicare altri tipi di relazione: di affetto, amicizia o devozione: la mia piccola, il mio tesoro, i miei compagni, il mio maestro; anche posposto: anima mia!, amico mio!; caro mio, con valore di amorevole rimprovero | può indicare anche relazioni di dipendenza, soggezione: il mio tiranno, il mio padrone; o rapporti di lavoro, affari e sim.: la mia segretaria, il mio socio, il mio avvocato, il mio medico; oppure soltanto per indicare formale o paterna benevolenza: mio buon uomo, cara la mia ragazza
I 5. che è abituale, caratteristico di me o a cui sono attaccato: la mia passeggiatina pomeridiana, il mio riposino; il mio letto | dove mi reco o sto abitualmente: il mio ristorante preferito, il mio solito bar; da dove provengo: la mia città, il mio paese
I 6. riferito ad azione o sentimento indica chi compie l’azione o esprime il sentimento; il mio arrivo imprevisto, il fatto che io sia arrivato in modo imprevisto; il mio amore per te, il fatto che io ti ami; oppure l’oggetto dell’azione o la persona a cui è rivolto il sentimento: hai voluto la mia rovina, hai voluto rovinare me; l’hai fatto per amor mio, l’hai fatto perché mi ami II. pron.poss. di prima pers.sing.
II 1. quello che mi appartiene: il tuo ufficio è più piccolo del mio | ciò che è parte di me, inerente a me, che mi è proprio: hai i capelli più lunghi dei miei, le tue idee sono anche le mie | quello che è fatto, detto da me; ciò che proviene da me: ti ha dato un consiglio simile al mio, è un’offerta vantaggiosa quanto la mia
II 2. indica relazioni di parentela, affetto, amicizia, lavoro, interesse e sim.: i suoi amici sono simpatici quanto i miei, i tuoi clienti sono più numerosi dei miei
II 3. colloq., in particolari espressioni ellittiche: i miei, i miei genitori, parenti, amici, seguaci e sim., vengo con i miei, i miei genitori; stai tranquillo è uno dei miei, uno del gruppo che fa capo a me; quando riceverai questa mia, questa mia lettera; ho diritto di dire la mia, la mia opinione; stai dalla mia?, la mia parte; ho avuto le mie, le mie disgrazie; ne ho fatta una delle mie, una delle mie sciocchezze, marachelle, ecc.
II 4. con valore neutro, ciò di cui ho la proprietà, possesso; i beni, gli averi che mi appartengono: non voglio rimetterci del mio, spendo solo del mio | con valore più generico: non c’è niente di mio qui, niente che mi appartenga, c’è parecchio di mio in questo lavoro, di apporto personale

Polirematiche

a casa mia
loc.avv.
CO
secondo me, secondo le mie abitudini: questa, a casa mia, si chiama testardaggine
dei miei stivali
loc.agg.inv.
CO
spreg., di persona o cosa che non vale nulla: chirurgo dei miei stivali!
Dio mio
loc.inter.
CO
mio Dio.
Gesù mio
loc.inter.
var. => gesummio.
mamma mia
loc.inter.
CO
per esprimere stupore, paura, contrarietà, gioia: mamma mia, che meraviglia!
mio Dio
loc.inter.
CO
esclamazione per esprimere impazienza, sconforto, spavento, ecc.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità