mobilità

mo|bi|li|
s.f.inv.
av. 1292 nell'accez. 3; dal lat. mobilitāte(m), v. anche 1mobile.


1. CO natura o proprietà di ciò che è mobile; possibilità di spostarsi o di essere spostato
2a. CO TS med. capacità di un organo o di un arto di muoversi, contrarsi, flettersi, ecc.: mobilità degli occhi
2b. CO facilità con cui possono cambiare espressione i lineamenti di un volto, espressività
2c. CO fig., estens., prontezza e vivacità di intuizione; capacità di adattamento
3. CO fig., volubilità, incostanza nel modo di agire e di pensare: mobilità di carattere
4. TS econ. => mobilità del lavoro
5. TS dir.lav., econ. complesso di procedure per la tutela dell’occupazione, attivate in seguito all’interruzione del rapporto di lavoro tra l’impresa e i lavoratori in esubero, comprendenti l’istituzione di speciali liste di collocamento, l’attribuzione ai lavoratori di un’indennità, l’adozione di favorevoli misure finanziarie per le imprese, ecc., ovvero in casi previsti dalla legge nel rapporto di lavoro alle dipendenze di amministrazioni pubbliche: essere in mobilità, mettere in mobilità
6. TS ling. capacità di una lingua di adattarsi alle esigenze di una cultura in evoluzione, spec. accogliendo neologismi, forestierismi e sim.

Polirematiche

indice di mobilità
loc.s.m.
TS stat.
rapporto fra il numero complessivo degli spostamenti effettuati in un anno dagli abitanti di una data città e il numero degli abitanti della città stessa
indice di mobilità sociale
loc.s.m.
TS sociol.
rapporto tra i nati in una data classe sociale passati ad altra classe e l’insieme dei nati della classe data | media ricavata dalla somma di tali rapporti: nelle società con economia agricola è assai basso l’indice di mobilità sociale
lista di mobilità
loc.s.f.
TS econ.
l. di collocamento in cui compaiono i nominativi di lavoratori di aziende che stanno per chiudere, che hanno perciò la precedenza a essere integrati in nuovi posti di lavoro
mobilità dei fattori di produzione
loc.s.f.inv.
TS econ.
possibilità di un fattore di produzione di essere trasferito da un'area geografica a un'altra o da un impiego a un altro
mobilità del lavoro
loc.s.f.inv.
TS econ.
spostamento dei lavoratori dipendenti da un reparto all’altro, da uno stabilimento all’altro o da un settore industriale a un altro, in funzione delle esigenze della produzione e del mercato
mobilità orizzontale
loc.s.f.
TS econ.
in un sistema economico, spostamento di lavoratori da un’attività produttiva a un’altra che richieda analoga preparazione professionale e livello d’inquadramento
mobilità sociale
loc.s.f.
TS sociol.
movimento di individui o di gruppi da una posizione o classe sociale all’altra
mobilità verticale
loc.s.f.
TS econ.
all’interno di un sistema economico, spostamento di lavoratori da un livello di inquadramento a uno superiore o, più raramente, inferiore.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità