mortificazione

mor|ti|fi|ca|zió|ne
s.f.
av. 1342 nell'accez. 2; dal lat. tardo mortificatiōne(m) propr. “il dare la morte”, v. anche mortificare.

CO
1. offesa o umiliazione dell’amor proprio: dare, ricevere, subire una mortificazione
2. repressione delle inclinazioni peccaminose con privazioni e penitenze, spec. come pratica ascetica: mortificazione della carne
3. TS gastr. non com., frollatura
4. OB TS med. diminuzione o annullamento delle funzioni e della sensibilità di un organo o dell’organismo
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità