neutralizzazione

neu|tra|liẓ|ẓa|zió|ne
s.f.
1862 nell'accez. 3; cfr. fr. neutralisation.


1. CO il neutralizzare, il neutralizzarsi e il loro risultato | annullamento, vanificazione degli effetti di un’azione, spec. mediante opposizione di una forza contraria: neutralizzazione di un tentativo di rivolta con la repressione armata; neutralizzazione delle critiche negative, degli effetti nocivi di una sostanza
2a. TS dir.intern. condizione giuridica di uno stato che, mediante accordo internazionale, assume l’obbligo di non partecipare a conflitti armati acquistando il diritto di integrità e, in tempo di pace, di non schierarsi politicamente o militarmente
2b. TS dir.intern. condizione riservata a luoghi, cose o persone determinati, che, sulla base di accordi e norme internazionali, in caso di conflitto armato non possono essere impiegati o coinvolti in azioni militari
3. TS chim. reazione che porta una soluzione ad avere uguale concentrazione di ioni di idrogeno e ioni idrossido aggiungendo una base se essa è acida o un acido se è alcalina
4. TS elettron. negli amplificatori elettronici, compensazione dell’effetto della capacità tra collettore e base di un transistor
5. TS ling. fenomeno per cui, in determinati contesti, viene meno l’opposizione tra due unità linguistiche (per es. in italiano quella tra i fonemi /o/ e /ɔ/ in sillaba non tonica)
6. TS sport in una gara a tempo, sottrazione di un determinato intervallo, uguale per ciascun concorrente, dal computo del risultato finale, a compenso di interruzioni momentanee avvenute durante la competizione | nel ciclismo, sospensione temporanea della corsa
7. TS psic. processo per il quale si perde la carica libidica delle pulsioni sessuali e aggressive proprie dell’infanzia
8. TS ott. metodo per determinare la potenza di una lente, consistente nel sovrapporla ad altre di potenza nota e di segno opposto, fino a che il sistema composto abbia potenza nulla

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità