occhio

òc|chio
s.m.
av. 1250; lat. ŏcŭlu(m).


1a. FO la parte visibile del bulbo oculare, protetta dalle palpebre, con diversa colorazione a seconda della pigmentazione dell’iride: occhi marroni, neri, ha un occhio verde e uno azzurro, occhi chiari, scuri; occhi lucidi, per la febbre, per avere pianto o per la commozione; avere gli occhi fuori dalla testa, dalle orbite, guardare con gli occhi fuori dalla testa: manifestare grandissimo stupore, sconcerto e sim. | TS anat. organo della vista, pari e sferoidale, protetto dalle palbebre che, nell’uomo e nei Vertebrati, è costituito dal bulbo oculare che fissa sulla retina gli stimoli luminosi e li trasmette ai centri nervosi mediante il nervo ottico
1b. TS zool. in alcuni Invertebrati, qualunque struttura sensibile alle radiazioni luminose, più o meno complessa e presente in numero variabile, che consente la ricezione di stimoli luminosi e la conseguente formazione di un’immagine; occhio composto, negli Artropodi, occhio formato da un numero variabile di ommatidi, ognuno dei quali registra indipedentemente parte della luce riflessa da un oggetto e permette la formazione di un’immagine a mosaico, somma delle immagini parziali
2. FO senso della vista, capacità visiva: avere ancora gli occhi buoni
3a. FO fig., capacità di giudicare, di osservare: ha occhio per gli affari
3b. FO con valore interiettivo, esclamazione che richiama qcn. all’attenzione, spec. in caso di situazioni di pericolo: occhio ai prezzi!, occhio all’incrocio!, occhio alle mani!
4. FO fig., sguardo: occhi innamorati, tristi, parlare con gli occhi
5. CO foro o apertura circolare: gli occhi delle forbici, gli occhi della gruviera
6a. CO piccola chiazza di grasso che si forma sulla superficie di brodi o minestre
6b. CO macchia, chiazza tondeggiante sul piumaggio o sul pelo di vari animali: gli occhi sulla coda del pavone
6c. TS petr. ogni macchia che appare evidente sulla superficie di marmi o pietre
7. CO colloq., somma di denaro molto elevata: ho speso un occhio | con valore avv., preceduto da articolo indeterminativo, molto, tantissimo: valere un occhio, costare un occhio
8. TS industr. nell’industria casearia, ciascuno dei buchi caratteristici di determinati formaggi, dovuti allo scioglimento di parti grasse durante la fermentazione
9. TS bot. => gemma
10a. TS arch. apertura circolare o ellittica realizzata nelle pareti o nella copertura di un edificio, per dar luce e aria | nel capitello ionico e in quello composito, elemento centrale di forma circolare posto al centro della voluta, intorno al quale si sviluppa la voluta stessa
10b. TS ing.civ. => occhialone
11. TS tipogr. parte di un carattere di stampa, che porta il segno grafico in rilievo e ricevendo l’inchiostro produce l’impressione
12. TS mar. ogni foro o apertura, circolare od ovale, praticata nella struttura di uno scafo per il passaggio di cime o catene

Polirematiche

a occhi asciutti
loc.avv.
CO
senza piangere
a occhi chiusi
loc.avv.
CO
senza alcuna esitazione, senza indugio: buttarsi in un affare a occhi chiusi
a occhio
loc.avv.
CO
valutando in modo approssimativo: a occhio ha saltato due metri
a occhio e croce
loc.avv.
CO
all'incirca: a occhio e croce dovrebbe avere quarant'anni
a occhio nudo
loc.avv.
CO
senza occhiali o altro strumento ottico
a perdita d’occhio
loc.avv.
CO
fin dove la vista può giungere: la prateria si estende a perdita d'occhio
a quattr’occhi
loc.avv.
CO
senza testimoni, in modo confidenziale: parlare con qcn. a quattr’occhi, cerca di vederlo a quattr’occhi
a vista d’occhio
loc.avv.
CO
per quanto si può vedere a occhio nudo: si vede a vista d'occhio | fig., scherz., molto rapidamente: tuo figlio cresce a vista d'occhio
all’occhio di bue
loc.agg.inv.
CO
di uovo, cotto in un tegamino in modo che il tuorlo rimanga intero
alzare gli occhi al cielo
loc.v.
CO
con riferimento al valore simbolico del gesto, manifestare sollievo | esprimere sofferenza, rassegnazione o fastidio
aprire gli occhi
loc.v.
CO
1. svegliarsi | fig., stare attento | fig., capire una situazione: finalmente ha aperto gli occhi e si è ricreduto
2. mettere sull’avviso, far capire la realtà di una situazione: gli ho aperto gli occhi sulla disonestà del suo socio
aprire gli occhi alla luce
loc.v.
BU
nascere
avere davanti agli occhi
loc.v.
CO
aver presente, ricordare chiaramente
avere gli occhi foderati
loc.v.
CO
non vedere qcs. di molto evidente; non accorgersi di qcs. di molto vistoso
avere gli occhi foderati di prosciutto
loc.v.
CO
fam., avere gli occhi foderati
avere la benda sugli occhi
loc.v.
CO
non conoscere la verità, non sapere come stanno le cose
avere le lacrime agli occhi
loc.v.
CO
essere sul punto di piangere
avere l’occhio
loc.v.
CO
stare attento; fare attenzione a tutto quel che succede
balzare agli occhi
loc.v.
CO
saltare agli occhi
bendare gli occhi
loc.v.
CO
confondere le idee a qcn. per impedirgli di capire la verità.
bendarsi gli occhi
loc.v.
CO
non voler accorgersi della verità.
bere con gli occhi
loc.v.
CO
fissare intensamente, guardare avidamente
bruscolo nell’occhio
loc.s.m.
CO
fastidio, problema; essere come un bruscolo nell’occhio, essere fastidioso, antipatico.
buttare l’occhio
loc.v.
CO
guardare rapidamente e quasi in modo furtivo: buttare l’occhio nell’appartamento dei vicini
buttare polvere negli occhi
loc.v.
CO
illudere
cavare gli occhi
loc.v.
CO
accecare, spec. iperb. come minaccia: se ci riprovi ti cavo gli occhi!
cavarsi gli occhi
loc.v.
CO
1. rec., litigare violentemente
2. affaticarsi, rovinarsi la vista sforzandola eccessivamente: cavarsi gli occhi su un ricamo.
chiudere gli occhi
loc.v.
CO
1. eufem., morire dolcemente
2. assistere in punto di morte
3. fig., ostinarsi a non considerare: chiudere gli occhi all’evidenza
chiudere gli occhi alla luce
loc.v.
BU
eufem., morire
chiudere un occhio
loc.v.
CO
fingere di non vedere, lasciar correre, spec. mancanze o errori non gravi: il lavoro non era perfetto ma il capo ha chiuso un occhio.
colpo d’occhio
loc.s.m.
CO
veduta d’insieme, panoramica: dalla terrazza c’è un bel colpo d’occhio | occhiata veloce, sguardo rapido: il colpo d’occhio dell’artista; a colpo d’occhio, a prima vista, subito: riconoscere qcn. a colpo d’occhio
con gli occhi fuori dalle orbite
loc.avv.
CO
spiritatamente
con la coda dell’occhio
loc.avv.
CO
senza fissare direttamente: guardare, seguire con la coda dell'occhio
convergenza dell’occhio
loc.s.f.
TS med.
spostamento dello sguardo da un punto a un altro più vicino, che provoca nell’occhio il fenomeno dell’accomodamento
covare con gli occhi
loc.v.
CO
guardare fissamente con amore, desiderio, compiacenza: covava con gli occhi la fidanzata
dare nell’occhio
loc.v.
CO
attirare l’attenzione con un comportamento eccessivo o un aspetto vistoso: una ragazza che dà nell’occhio, un’automobile che dà nell’occhio
dare un occhio
loc.v.
CO
controllare rapidamente: per favore, dai un occhio a questo articolo prima di stamparlo! | fare attenzione, badare: puoi dare un occhio al bambino mentre faccio la spesa?
di buon occhio
loc.avv.
CO
favorevolmente: non vedere di buon occhio qcs., qcn.
divorare con gli occhi
loc.v.
CO
guardare con intensità e bramosia.
dormire a occhi aperti
loc.v.
CO
dormire in piedi
dormire con un occhio solo
loc.v.
CO
stare attenti e guardinghi
fare gli occhi dolci
loc.v.
CO
guardare qcn. con espressione amorosa per sedurlo: fare gli occhi dolci a qcn.
fare l’occhio
loc.v.
CO
1. abituarsi alla vista di qcs.: fare l’occhio alla nuova disposizione dei mobili
2. estens., imparare a giudicare qcs. con perspicacia: fare l’occhio alle imitazioni
ficcare gli occhi
loc.v.
CO
fissare intensamente: ficcare gli occhi addosso a, su qcn.
fondo dell’occhio
loc.s.m.
TS med.
il complesso anatomico costituito da retina, papilla, arteria e vene centrali del nervo ottico
gettare polvere negli occhi
loc.v.
CO
buttare polvere negli occhi
guardare con tanto d’occhi
loc.v.
CO
spalancare gli occhi per meraviglia, stupore, avidità, ecc.
in un batter d’occhio
loc.avv.
CO
in un attimo, assai rapidamente
innesto a occhio
loc.s.m.
TS agr.
=> innesto a gemma
levarsi un bruscolo dall’occhio
loc.v.
CO
liberarsi da un fastidio
luce dei miei occhi
loc.s.f.
CO
tesoro
mangiare con gli occhi
loc.v.
CO
guardare qcn. o qcs. con desiderio, amore o avidità
mettere gli occhi addosso
loc.v.
CO
adocchiare, spec. con l’intenzione di sedurre: mettere gli occhi addosso a qcn.
mettere gli occhi su
loc.v.
CO
guardare, spec. con interesse e desiderio: ho messo gli occhi su un cappotto nuovo
muscolo obliquo inferiore dell’occhio
loc.s.m.
TS anat.
m. sottile e nastriforme situato nella cavità orbitaria, che ha la funzione di ruotare il globo oculare in alto e di lato
muscolo obliquo superiore dell’occhio
loc.s.m.
TS anat.
m. situato nella cavità orbitaria, costituito da una parte carnosa e da una tendinea, che ha la funzione di ruotare il globo oculare verso l'esterno e verso il basso
muscolo orbicolare dell’occhio
loc.s.m.
TS anat.
m. ellittico e appiattito che circonda la rima palpebrale, avente la funzione di determinarne la chiusura e di favorire il deflusso delle lacrime
muscolo retto inferiore dell’occhio
loc.s.m.
TS anat.
m. situato nella cavità orbitaria, con la funzione di ruotare il bulbo oculare verso il basso e medialmente
muscolo retto laterale dell’occhio
loc.s.m.
TS anat.
m. situato nella cavità orbitaria che ha la funzione di spostare lateralmente la cornea
muscolo retto superiore dell’occhio
loc.s.m.
TS anat.
m. situato nella cavità orbitaria che ha la funzione di ruotare il bulbo oculare verso l'alto e in posizione mediale
non avere gli occhi per piangere
loc.v.
CO
fam., non possedere più nulla, essere poverissimo
occhi a mandorla
loc.s.m.pl.
CO
occhi allungati verso l’esterno, tipici dei popoli asiatici
occhio artificiale
loc.s.m.
1. TS med. o. realizzato in vetro o con speciali sostanze plastiche, usato per sostituire l’occhio mancante
2. TS fis. dispositivo di misurazione fotometrico, realizzato spec. con una cellula fotoelettrica la cui sensibilità spettrale approssima con esattezza la curva spettrale della visibilità dell’occhio umano
occhio clinico
loc.s.m.
CO
1. capacità di un medico di formulare una diagnosi rapida ed esatta
2. fig., perspicacia, acutezza di giudizio
occhio composto
loc.s.m.
TS zool.
negli Artropodi, occhio formato da un numero variabile di ommatidi, ognuno dei quali registra indipendentemente parte della luce riflessa da un oggetto e permette la formazione di un'immagine a mosaico, somma delle immagini parziali
occhio da, di pesce lesso
loc.s.m.
CO
sguardo inespressivo
occhio da, di pesce morto
loc.s.m.
CO
sguardo inespressivo
occhio da, di triglia
loc.s.m.
CO
sguardo ammiccante o languido
occhio d’aquila
loc.s.m.
CO
vista acutissima
occhio del ciclone
loc.s.m.
TS meteor.
in un ciclone o in un tifone, area centrale relativamente calma, attorno alla quale ruotano ad altissima velocità masse d’aria di forte intensità | CO momento critico e rischioso: trovarsi nell’occhio del ciclone
occhio della testa
loc.s.m.
CO
follia
occhio di bue
loc.s.m.
1. CO o. grosso e sporgente, spec. inespressivo
2a. TS arch.
occhio di civetta
loc.s.m.
1. CO o. di colore giallo chiaro | fig., moneta d’oro
2. TS bot.com. => primula
occhio di cubia
loc.s.m.
TS mar.
→ cubia
occhio di drago
loc.s.m.
TS itt.com.
pesce rosso del genere Carassio (Carassius vulgaris macrophthalmus), allevato spec. in acquario, con occhi sporgenti di forma sferica, conica od ovoidale, posti su peduncoli
occhio di gatto nobile
loc.s.m.
TS mineral.
→ cimofane
occhio di lince
loc.s.m.
CO
vista acutissima a cui non sfugge nulla
occhio di pernice
loc.s.m.
1. CO pop., piccolo callo che si forma lateralmente tra dito e dito
2. TS petr. calcare conchilifero, già usato dai Romani, contenente fossili di forma tale per cui, in qualunque senso del taglio, le loro sezioni sono circolari
3. TS tess. tipo di tessuto usato spec. per abiti da uomo, caratteristico per l’alternanza, nell’orditura o nella tessitura, di due fili chiari e due scuri, che danno un effetto di punti bianchi su fondo scuro, simili all’occhio delle pernici
occhio di tigre
loc.s.m.
TS mineral.
varietà di quarzo di colore bruno con riflessi di color giallo oro, per la presenza di inclusioni di ossidi di ferro, molto usato come pietra ornamentale
occhio elettronico
loc.s.m.
TS ott. - TS tecn.
1.  microtelecamera sperimentale che, montata negli occhiali, può trasmettere le immagini a degli elettrodi inseriti nella retina consentendo a persone non vedenti di riacquistare la vista 2.  telecamera di sorveglianza
occhio magico
loc.s.m.
CO
indicatore luminoso della sintonia degli apparecchi radio
occhio magnetico
loc.s.m.
CO
sguardo che affascina
occhio per occhio
loc.avv.
CO
1. secondo la legge del taglione
2. rispondendo a un’offesa con un’altra offesa
occhio per occhio, dente per dente
loc.avv.
CO
occhio per occhio
occhio pollino
loc.s.m.
CO
formazione callosa tra due dita del piede
pagare un occhio della testa
loc.v.
CO
strapagare
perdere d’occhio
loc.v.
CO
perdere di vista
piangere con un occhio solo
loc.v.
CO
1. far finta di piangere; ostentare fintamente un dolore
2. subire un danno contenuto
pugno in un occhio
loc.s.m.
CO
oscenità
quarzo occhio di tigre
loc.s.m.
TS mineral.
→ occhio di tigre
quattro occhi
loc.s.m.pl.
CO
estrema attenzione, vigilanza assoluta: con quel bambino ci vogliono quattro occhi
quattr’occhi
loc.s.m. e f.inv.
var. => quattrocchi
riempirsi gli occhi
loc.v.
CO
bearsi di una visione, della contemplazione di qcs. e sim.
rifarsi gli occhi
loc.v.
CO
vedere, contemplare qcs. di bello: rifarsi gli occhi con un magnifico panorama
rifarsi l’occhio
loc.v.
CO
rifarsi gli occhi
rubare con gli occhi
loc.v.
BU
mangiare con gli occhi
saltare agli occhi
loc.v.
CO
avventarsi, anche verbalmente, contro qcn.: non appena ho aperto bocca, mi è saltato agli occhi | fig., apparire evidente: l’errore, la differenza salta agli occhi
sbarrare gli occhi
loc.v.
CO
sgranare gli occhi
senza chiudere occhio
loc.avv.
CO
non riuscendo a prendere sonno: ho passato tutta la notte senza chiudere occhio
sgranare gli occhi
loc.v.
CO
spalancare gli occhi in segno di meraviglia | con riferimento al valore simbolico del gesto, mostrare meraviglia
sognare a occhi aperti
loc.v.
CO
abbandonarsi a fantasie, vagheggiare spec. cose improbabili o irrealizzabili, farsi illusioni.
sotto gli occhi
loc.avv.
CO
alla diretta presenza di qcn. | sotto il naso, vicinissimo: guarda: ce l’hai sotto gli occhi
sott’occhio
loc.avv.
var. => 1sottocchio
spalancare gli occhi
loc.v.
CO
con riferimento al valore simbolico del gesto, esprimere meraviglia o timore
spogliare con gli occhi
loc.v.
CO
guardare, fissare qcn. con desiderio.
strabuzzare gli occhi
loc.v.
CO
stravolgere, stralunare gli occhi, sbarrandoli per un malore improvviso o per forte emozione: strabuzzò gli occhi e svenne, strabuzzava gli occhi di fronte a quella visione incredibile
stralunare gli occhi
loc.v.
CO
sbarrarli volgendoli all’indietro in modo tale da non rendere quasi più visibile l’iride, per un improvviso malore, una forte emozione e sim.: stralunò gli occhi e cadde a terra
strizzare l’occhio
loc.v.
CO
con riferimento al valore simbolico del gesto, fare l’occhiolino, ammiccare | alludere, riferirsi più o meno esplicitamente: un film che strizza l’occhio alla tradizione del noir francese.
strizzata d’occhio
loc.s.f.
CO
ammiccamento: con una strizzata d’occhio mi ha fatto capire di tacere | allusione, riferimento più o meno esplicito.
strofinarsi gli occhi
loc.v.
CO
stropicciarsi gli occhi.
stropicciarsi gli occhi
loc.v.
CO
fregare le mani sulle palpebre per sonnolenza, stanchezza, bruciore e sim.
tenere d’occhio
loc.v.
CO
sorvegliare, controllare qcn. o qcs.
tenere gli occhi addosso
loc.v.
CO
guardare con insistenza qcn., osservarlo con interesse | tenere d’occhio qcs. spec. con l’intenzione di impossessarsene
tenere gli occhi aperti
loc.v.
CO
stare attento, prestare attenzione
tutt’occhi
loc.agg.inv.
CO
molto attento, che guarda, osserva con estrema attenzione
un occhio
loc.s.m.
CO
uno sproposito
un occhio della testa
loc.s.m.
CO
somma di denaro molto elevata; cifra astronomica: ho speso un occhio della testa
un pugno in un occhio
loc.s.m.
CO
ciò che è talmente disarmonico e sproporzionato da offendere la vista e il senso della bellezza: quel brutto edificio è un pugno in un occhio; insieme di colori violenti e male assortiti: l'abito che aveva alla festa era un pugno in un occhio.
uovo all’occhio di bue
loc.s.m.
CO
u. fritto al tegamino con burro e olio, in modo da lasciare intero il tuorlo
usare gli occhi
loc.v.
CO
guardare bene, con attenzione, spec. in costrutti imperativi, come invito e sim.
uscire dagli occhi
loc.v.
CO
di qcs., essere visto o sperimentato in abbondanza fino a provarne fastidio
vedere come fumo negli occhi
loc.v.
CO
avere una forte avversione: vede il lavoro come fumo negli occhi
vedere con i propri occhi
loc.v.
CO
assistere di persona a un avvenimento, esserne testimone: l'ho visto con i miei occhi rubargli il portafoglio
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.