offesa

of||sa
s.f.
av. 1250; lat. offēnsa(m), der. di offendĕre propr. “urtare contro”.


AU
1a. danno morale portato, con parole o atti, a una persona o a una istituzione: subire un’offesa, bisogna perdonare le offese
1b. parola o espressione ingiuriosa, che offende gravemente: si sono gridati offese irripetibili
2. comportamento, azione che lede una norma, un principio etico comunemente accettato: un’offesa alla legalità, alla giustizia | con significato attenuato: questo vestito è un’offesa al buon gusto
3. CO attacco, spec. armato: una postazione esposta alle offese nemiche
4. CO fig., azione devastatrice su cose o persone: le offese degli anni hanno sciupato il suo viso
5. CO lesione, danno a una parte del corpo: offesa da arma da taglio al braccio destro
6. TS sport nella scherma, l’insieme delle azioni d’attacco eseguite dallo schermitore
7. BU diminuzione o alterazione di una funzione fisiologica: offesa della vista, dell’olfatto

Polirematiche

offesa al pudore
loc.s.f.
TS dir.
delitto commesso da chi compie atti osceni in luogo pubblico o in luogo aperto o esposto al pubblico.
offesa alla memoria di un defunto
loc.s.f.
TS dir.
reato di diffamazione o di ingiuria commesso nei confronti di una persona defunta, perseguibile dietro querela dei congiunti
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.