orezzo

o|réz|zo, o|réẓ|ẓo
s.m.
av. 1367; der. di orezzare.


LE
1. venticello fresco, brezza: spesso, all’orezzo delle sere estive, | fra’ giovani sedea per novellare (Foscolo) | ombra fresca, rezzo: il merigge facea grato l’orezzo | al duro armento e al pastore ignudo (Ariosto) | estens., luogo ombroso, ventilato
2. effluvio profumato, olezzo
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.