orrido

òr|ri|do
agg., s.m.
av. 1347; dal lat. hŏrrĭdu(m), der. di horrēre “provare orrore”.


CO
1a. agg., spec. di luogo, che desta sgomento, che turba profondamente per l’aspetto aspro e selvaggio: ci perdemmo in un’orrida foresta
1b. agg., che fa orrore: un’orrida visione, ha fatto un’orrida fine
1c. agg., iperb., di qcs., disgustoso, repellente: ha un’orrida scultura in salotto | di qcn., orribile, molto brutto: un orrido ceffo, un’orrida strega
2. agg. LE ispido: lunghe le barbe e orride (Manzoni)
3. s.m. CO ciò che suscita disgusto o turbamento: avere il gusto dell’orrido
4. s.m. CO profonda gola rocciosa originata dall’azione erosiva di un torrente che vi scorre impetuosamente: l’orrido di Foresto
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.