padella

pa|dèl|la
s.f.
1302-05; lat. patĕlla(m), dim. di patera “piatto”.


AD
1. utensile da cucina di forma rotonda e piatta e poco profondo, spec. di metallo, fornito di lungo manico, usato per friggere o cucinare determinate vivande: verdure fritte in padella, padella antiaderente, padella di acciaio; padella per le castagne: particolare p. con il fondo forato per arrostire le castagne
2. recipiente un tempo di ceramica e oggi di resine sintetiche, alquanto piatto e largo, fornito di manico e di forma opportuna per consentire a chi è infermo di soddisfare le funzioni fisiologiche senza scendere dal letto
3. TS venat. tiro mancato: fare padella
4. BU scaldino di rame con coperchio bucherellato e lungo manico che si passava tra le lenzuola per scaldare il letto
5. TS artig. crogiolo di terra refrattaria usato per la lavorazione della pasta di vetro
6. TS teatr. riflettore teatrale per l’illuminazione della scena
7. BU vaso molto basso di terracotta che, riempito di grasso e fornito di stoppino, era usato anticamente come lampada
8. RE sett., macchia, spec. di olio

Polirematiche

dalla padella alla, nella brace
loc.avv.
CO
da una situazione grave o negativa a una peggiore: cascare, cadere, finire, dalla padella alla, nella brace; con il nuovo governo siamo caduti dalla padella nella brace!
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità