paravento

pa|ra|vèn|to
s.m.
1464-5; comp. di 2para- e vento.


1. AD mobile costituito da una serie di ante di legno ricoperte di stoffa o carta decorate, collegate tra loro da cerniere in modo da poter essere variamente dispiegate, che funge da parete mobile divisoria o come riparo dalle correnti d’aria: spogliarsi dietro un paravento
2. CO pannello con cui si chiude l’apertura di un camino per evitare che il fumo sprigionato invada la stanza
3a. BU riparo contro il vento collocato all’aperto come protezione per piante o animali
3b. TS etnol. abitazione primitiva usata come riparo dal vento e dalla pioggia da popolazioni dedite alla caccia e alla raccolta, costituita da un graticcio di rami o da una stuoia intrecciata tenuta sollevata e tesa da uno o più pali confitti nel terreno
4. CO fig., schermo, copertura per nascondere difetti, colpe, interessi speculativi o attività illecite: essere il paravento delle malefatte altrui, usare il paravento della malattia per nascondere il proprio egoismo
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità