1partito

par||to
s.m.
1ª metà XIII sec. nell'accez. 3; der. di 2partire.


FO
1. associazione volontaria e strutturata di cittadini che condividono un’ideologia o un programma politico e mirano allo svolgimento di un’attività politico-sociale comune (abbr. P.): partito progressista, moderato; partito di maggioranza; partito di destra; partito d’opposizione; tessera di partito, comitato di partito; partito di governo | l’apparato dirigenziale e strutturale di tale organizzazione: quadri di partito, beghe di partito
2. estens., gruppo, schieramento di fautori di un’ideologia o di sostenitori di una particolare rivendicazione: il partito degli interventisti; il partito della scheda bianca | fazione: il partito di Pompeo, il partito dei guelfi, dei ghibellini
3. CO decisione, risoluzione che si adotta per risolvere una questione o una difficoltà: optare per il partito meno rischioso, non sapere quale partito prendere; ridursi al partito estremo, all’estremo partito: ridursi alla soluzione più estrema, più disperata; abbracciare, prendere un partito: adottare una soluzione
4a. OB deliberazione presa da un organismo collegiale; libro dei partiti, registro che conteneva gli atti e le deliberazioni degli organi collegiali
4b. OB votazione, scrutinio di un’assemblea: andare, mandare a partito, eleggere per partito; partito palese, partito segreto; partito a voce, per appello nominale; perdere, vincere il partito, avere la minoranza o la maggioranza dei voti; partito intero, consenso elettorale ottenuto a pieni voti; partito secco, vinto con la maggioranza assoluta; a partito universale, a suffragio universale; mettere a partito, decidere, deliberare
5. CO persona rispetto alla quale si valuta, spec. dal punto di vista economico o sociale, l’opportunità di un matrimonio: un buon, un ottimo, un pessimo partito
6. TS arch. ciascuno degli elementi architettonici che suddividono la superficie esterna, spec. la facciata, di un edificio

Polirematiche

avere buon partito
loc.v.
CO
trovarsi in una situazione vantaggiosa
avere cattivo partito
loc.v.
CO
essere in una situazione sfavorevole
di partito
loc.agg.inv.
CO
spec., con valore polemico, fazioso, partigiano: spirito di partito; interessi di partito
disciplina di partito
loc.s.f.
TS polit.
obbligo morale dei membri di un partito a votare secondo le direttive stabilite anche in caso di dissenso personale
forma partito
loc.s.f.
TS polit.
organizzazione di tendenze politiche e sociali che assume la struttura di un partito politico
mal partito
loc.s.m.inv.
var. => malpartito
mettere la testa a partito
loc.v.
CO
mettere la testa a posto
partito agrario
loc.s.m.
TS polit.
formazione politica che privilegia la difesa degli interessi dei proprietari terrieri
partito armato
loc.s.m.
TS polit.
organizzazione, gruppo terroristico che adotta la lotta armata contro lo Stato
partito azzurro
loc.s.m.
TS milit.
nelle manovre militari e navali, raggruppamento che rappresenta le forze nazionali
Partito Comunista Italiano
loc.s.m.
CO
p. di ispirazione marxista fondato nel 1921 e separatosi nel 1991 nel Partito Democratico della Sinistra e nel Partito della Rifondazione Comunista (sigla PCI)
Partito d’Azione
loc.s.m.
TS stor.
movimento politico di ispirazione liberalsocialista, fondato nel 1942 e sciolto nel 1947, particolarmente attivo nei comitati di liberazione nazionale (abbr. P.d’A.)
Partito dei Comunisti Italiani
loc.s.m.
TS polit.
partito costituitosi nel 1998 dalla scissione del Partito della Rifondazione Comunista (sigla PDCI)
partito del garofano
loc.s.m.
CO
il Partito Socialista Italiano, per il garofano raffigurato nel suo simbolo
partito della bistecca
loc.s.m.
CO
scherz., formazione politica a cui aderiscono coloro che antepongono il proprio benessere materiale a ogni altra cosa
partito della quercia
loc.s.m.
CO
il Partito Democratico della Sinistra, per via della quercia raffigurata nel suo simbolo
Partito della Rifondazione Comunista
loc.s.m.
CO
p. fondato nel 1991 dalla parte più radicale degli iscritti al PCI (sigla PRC)
partito dell’edera
loc.s.m.
CO
il Partito Repubblicano Italiano, per via dell’edera raffigurata nel suo simbolo
Partito Democratico della Sinistra
loc.s.m.
CO
denominazione assunta nel 1991 dal PCI (sigla PDS)
partito di massa
loc.s.m.
TS polit.
p. con un ampio numero di iscritti, espressione di un ampio consenso popolare
partito di opinione
loc.s.m.
TS polit.
p. con un limitato gruppo di iscritti, che si propone essenzialmente di influenzare e orientare l’opinione pubblica
Partito di Unità Proletaria
loc.s.m.
CO
p. fondato nel 1972 come espressione della sinistra sindacale e nel 1974 confluito nel Partito di Unità Proletaria per il Comunismo (sigla PdUP)
Partito di Unità Proletaria per il Comunismo
loc.s.m.
CO
p. della sinistra, nato nel 1974 dalla confluenza del PdUP con il gruppo del Manifesto e confluito nel 1984 nel PCI
partito d’ordine
loc.s.m.
TS polit.
p. conservatore o moderato contrario a tutte le forme radicali che alterano l’ordine politico vigente
partito dottrinario
loc.s.m.
TS stor.
p. monarchico costituzionale, nato in Francia nel 1815 dopo la restaurazione di Luigi XVIII, che tendeva a conciliare le idee monarchiche con quelle liberali ispirate ai fondamenti della Rivoluzione francese
Partito Liberale Italiano
loc.s.m.
CO
formazione politica espressione del liberalismo italiano, fondato nel 1924 e ricostruito nel 1943 (sigla PLI)
Partito Nazionale Fascista
loc.s.m.
TS stor.
p. di B. Mussolini, insediatosi nel 1922 con la marcia su Roma e scompaginatosi nella notte del 25 luglio 1943 (sigla PNF)
partito operaio
loc.s.m.
TS stor.
nella seconda metà dell’800 e all’inizio del ‘900, nome dato genericamente a ciascuno dei partiti politici di impronta marxista difensori della classe operaia
Partito Popolare Italiano
loc.s.m.
1. TS stor., polit. p. di ispirazione cattolica fondato nel 1919 da Luigi Sturzo e sciolto nel 1926 da B. Mussolini (sigla PPI)
2. CO TS polit. p. di ispirazione cattolica che dichiara di raccogliere l’eredità politica della DC (sigla PPI)
partito preso
s.m.
CO
pregiudizio, preconcetto: questo tuo atteggiamento nasce da un partito preso
Partito Radicale
loc.s.m.
CO
movimento politico di ispirazione libertaria, anticlericale, antimilitarista e di difesa dei diritti civili, che ha avuto origine nel 1963 staccandosi dal PLI (sigla PR)
Partito Repubblicano Italiano
loc.s.m.
CO
p. italiano erede della tradizione politica mazziniana, costituitosi nel 1895, sciolto dal fascismo e successivamente riformatosi al termine della seconda guerra mondiale (sigla PRI)
partito rosso
loc.s.m.
TS milit.
nelle esercitazioni militari e navali, raggruppamento che rappresenta le forze nemiche
partito satellite
loc.s.m.
TS polit.
p. che, non potendo svolgere un’azione autonoma, collabora in posizione subordinata con uno più grande
Partito Socialdemocratico Italiano
loc.s.m.
CO
p. di ispirazione socialdemocratica costituitosi nel 1952 dalla fusione di gruppi fuoriusciti dal PSI (sigla PSDI)
Partito Socialista
loc.s.m.
CO
p. fondato nel 1996, in seguito alla disgregazione del Partito Socialista Italiano (sigla PS)
Partito Socialista Italiano
loc.s.m.
CO
formazione politica italiana, fondata nel 1892 e ricostruitasi nel 1947, che raccoglie l’eredità politica del socialismo ottocentesco (sigla PSI)
Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria
loc.s.m.
1. TS stor. nome con cui si ricostruì fra il 1943 e il 1947 il partito socialista
2. CO TS polit. formazione politica, che si costituì nel gennaio del 1964 in opposizione al governo di centro-sinistra e si sciolse nel 1972, corrispondente alla sinistra del partito socialista (sigla PSIUP)
partito unico
loc.s.m.
TS polit.
p. che instaura un regime autoritario dopo aver eliminato ogni opposizione
per partito preso
loc.avv.
CO
in modo preconcetto, in base a una scelta aprioristica: agire, parlare per partito preso, lo difendi per partito preso.
prendere partito
loc.v.
CO
decidere o scegliere tra più possibilità
referendum di partito
loc.s.m.
TS dir.
r. attuato per verificare la volontà e gli orientamenti della base di un partito politico
senza partito
loc.s.m. e f.inv.
CO
chi non è inquadrato in alcun partito
stampa di partito
loc.s.f.
TS giorn.
l’insieme dei giornali che costituiscono gli organi ufficiali di determinati partiti
trarre partito
loc.v.
CO
trarre vantaggio: trasse partito dalla situazione confusa.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.