pasqua

|squa
s.f.
av. 1246 nell'accez. 3; lat. tardo pascha(m), dal gr. páskha, dall’aram. *pasḥāʾ, cfr. ebr. pesaḥ “passaggio”, perché la pasqua ebraica era stata istituita per celebrare l’uscita degli Ebrei dall’Egitto, con influsso del lat. pascua, pl. di pascuum “pascolo”.

AD
1. TS relig. festa ebraica che commemora la liberazione dalla schiavitù dell’Egitto con il passaggio del Mar Rosso; giorno in cui si celebra tale festa
2. AD AD relig. spec. con iniz. maiusc., massima solennità dell’anno liturgico cristiano in cui si celebra la resurrezione di Gesù Cristo: augurare una buona P. | AD la prima domenica dopo il plenilunio di primavera in cui si celebra tale festa; P. alta, P. che nell’anno cade tardi; P. bassa, P. che cade presto | TS estens., colloq., il periodo in cui cade tale festività: mi piacerebbe fare un viaggetto a P.
3. BU qualsiasi festa religiosa cristiana; P. di resurrezione: Pasqua; pasqua dei morti: Ognissanti; pop., P. epifania: Epifania; pop., P. delle rose, rosa, rosata: Pentecoste; pop., P. fiorita: domenica delle palme

Polirematiche

contento come una Pasqua
loc.agg.
CO
molto felice, contentissimo.
stile della Pasqua
loc.s.m.
TS stor.
=> stile francese
uovo di Pasqua
loc.s.m.
CO
dolce tipico del periodo pasquale costituito da un guscio di cioccolato a forma di uovo, vuoto all’interno spec. per contenere una sorpresa
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.