plasmodio

pla|ṣmò|dio
s.m.
1875; dal lat. scient. plasmodĭum, der. di plasma “1plasma”; nell’accez. 4 cfr. lat. scient. Plasmodium.


1. TS biol. formazione cellulare che si origina quando in una cellula avvengono successive divisioni nucleari non seguite dalle divisioni del citoplasma
2. TS bot. nei Mixomiceti, massa citoplasmatica fornita di più nuclei, che si forma per fusione di zigoti ameboidi o per aggregazione
3. TS zool. non com., nei Cnidosporidi, corpo ameboide contenente numerosi nuclei, che può riprodursi per scissione
4. TS zool. protozoo del genere Plasmodio | con iniz. maiusc., genere della famiglia dei Plasmodidi, cui appartengono specie parassite dei globuli rossi dell’uomo e di alcuni animali

Polirematiche

plasmodio della malaria
loc.s.m.
TS zool.
nome comunemente dato a quattro specie di protozoi del genere Plasmodio, il Plasmodium falciparum e il Plasmodium malariae, che provocano la malaria perniciosa e la febbre quartana, e il Plasmodium vivax e il Plasmodium ovalis, responsabili di due forme di febbre terzana benigna, trasmessi all’uomo da zanzare del genere Anofele.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.