pollice

pòl|li|ce
s.m.
av. 1367; dal lat. pŏllĭce(m).


AU 
1. il più grosso dito della mano, che si oppone alle altre dita ed è costituito di due sole falangi; anche in funz. agg.: il dito pollice
2. impropr., alluce
3. TS metrol. antica unità di misura di lunghezza equivalente a 2,54 cm, tuttora in vigore nel sistema anglosassone e, per alcuni settori della tecnica, come nelle misure di tubazioni, di schermi televisivi, ecc., anche dove vige il sistema metrico decimale: un televisore da 21 pollici
4. CO con valore iperb., spec. in frasi negative, distanza brevissima, quantità minima di spazio: non lasciare nemmeno un pollice di terreno, non indietreggiare di un pollice; anche fig.: non cedere, non mollare di un pollice, resistere a tutti i costi
5. TS edil. => arpione


Polirematiche

girarsi i pollici
loc.v.
CO
restare inattivo, non fare nulla: non restare lì seduto a girarti i pollici!.
muscolo adduttore del pollice
loc.s.m.
TS anat.
m. triangolare situato nell'eminenza tenare, costituito da un capo obliquo e da uno trasverso, che permette i movimenti di adduzione del pollice
muscolo opponente del pollice
loc.s.m.
TS anat.
m. la cui contrazione oppone la posizione palmare del pollice a quella delle altre dita
passaggio del pollice
loc.s.m.
TS mus.
durante l’esecuzione alla tastiera di un brano, il movimento del passare il pollice sotto le altre dita
pollice verde
loc.s.m.
CO
particolare disposizione per il giardinaggio: avere il pollice verde | estens., persona che ha tale disposizione: sei un vero pollice verde
pollice verso
loc.s.m.
CO
condanna, riprovazione.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.