poscia

|scia
avv.
av. 1243; lat. pŏstĕa.


LE dopo, poi, in seguito: poscia, più che ’l dolor, potè il digiuno (Dante)

Polirematiche

poscia che
loc.cong.
LE
con valore temporale, dopo che: poscia che m’ebbe ragionato questo, | li occhi lucenti lacrimando volse (Dante) | con valore causale, poiché: non vissi indarno, | poscia che quella bocca alla mia bocca | premere fu dato (Leopardi)
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.