presiedere

pre|siè|de|re
v.tr. e intr.
av. 1375; dal lat. praesĭdēre, comp. di prae- “davanti” e sidēre “1sedere”.


CO
1a. v.tr., dirigere, spec. in funzione di presidente o di preside: presiedere una riunione, la giuria, il comitato, ha presieduto per anni la facoltà di scienze naturali; anche ass.: in luogo del sindaco, presiederà l’assessore alla cultura
1b. v.intr. (avere) essere a capo con il titolo di presidente: presiedere ai lavori dell’assemblea, presiedere allo svolgimento delle operazioni elettorali | estens., soprintendere: presiedere ai lavori di ristrutturazione, alla realizzazione di un progetto
1c. v.intr. (avere) LE avere una posizione di responsabilità, di potere: gli errori di quelli che presiedono sono spesso più noti agli altri che a loro (Manzoni)
2. v.intr. (avere) CO fig., in trattazioni tecniche o scientifiche, avere un ruolo preminente, spec. nel regolare una funzione fisiologica: il cuore presiede alla circolazione sanguigna
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.