quando

quàn|do
cong., avv., s.m.
in. XIII sec.; lat. quando.


FO I. cong.
I 1. con valore temporale, seguito da verbo all’indicativo, nel tempo, nell’epoca, nel momento in cui: quando avrò finito di cenare, uscirò, quando studio uso gli occhiali; anche preceduto da preposizione: da quando lavoro, ho meno tempo libero, la stanza sarà pronta per quando arriverai
I 2. con valore iterativo, seguito da verbo all’indicativo, tutte le volte che: quando mi telefona, mi trattiene per almeno un’ora
I 3. con valore condizionale, seguito da verbo al congiuntivo, qualora, se: quando tu decida di trasferirti, ti aiuteremo volentieri, quando fosse così, sarebbe tutto risolto
I 4. con valore avversativo, seguito da verbo all’indicativo o al condizionale, mentre, laddove: sei voluto venire, quando potevi benissimo restare a casa; continui a perder tempo, quando invece dovresti affrettarti
I 5. con valore causale, seguito da verbo all’indicativo, dal momento che, giacché: quando ti dico che è così, è così
I 6. in espressioni esclamative, per indicare meraviglia, disappunto, rammarico, ecc.: quando si dice la sfortuna!, quando si nasce fortunati!
I 7. colloq., seguito da proposizione relativa temporale, nel quale, in cui: l’ho rivisto quel giorno quando c’eri anche tu II. avv.
II 1. in proposizioni interrogative dirette e indirette, in quale momento, in quale tempo, in quale giorno, mese o anno: quando sei arrivato?, dimmi quando vuoi partire, «Mi sposo» «Ah sì, quando?»; anche preceduto da prep.: da quando lavori qui?; fino a quando resterai, di quando sono questi dipinti? di quale epoca?, a quando la pubblicazione?, quando avverrà?
II 2. con valore correlativo, ora … ora, talvolta … talvolta: vado al lavoro quando a piedi, quando in tram
III. s.m., solo sing., il tempo, la circostanza, il momento: spiegami il come e il quando di questo incidente

Polirematiche

a quando a quando
loc.avv.
BU
di quando in quando
allor quando
loc.cong.
LE
var. => allorquando
ancor quando
loc.cong.
var. => ancorquando.
battere il ferro quando è caldo
loc.v.
CO
battere il ferro finché è caldo
chi sa quando
loc.avv.
var. => chissà quando
chissà quando
loc.avv.
CO
indica dubbio, incertezza riguardo al tempo entro cui qcs. deve avvenire: finiremo chissà quando
chiudere la stalla quando i buoi sono scappati
loc.v.
CO
cercare di rimediare a qcs. quando ormai è troppo tardi
cogliere il frutto quand’è maturo
loc.v.
CO
saper aspettare il momento opportuno
di quando in quando
loc.avv.
CO
talvolta, saltuariamente
quand’anche
loc.cong.
var. => quandanche
quand’ecco
loc.cong.
CO
quando all’improvviso: stavo per uscire, quand’ecco (che) suonano alla porta
quando che sia
loc.avv.
LE
prima o poi, una volta o l’altra: speran di venire | quando che sia a le beate genti (Dante).
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità