ragazzo

ra|gàz|zo
s.m.
av. 1313; dall’ar. dial. *raggāz, var. di raqqāz “corriere, messaggero che porta le lettere o che conduce i viaggiatori”, cfr. lat. mediev. ragatius.


FO
1a. persona di sesso maschile nell’età compresa tra la pubertà e l’età adulta: un ragazzo studioso, un ragazzo di 16 anni; da ragazzo, da ragazzi, durante l’adolescenza: eravamo amici da ragazzi; si è comportato da ragazzo: in modo inesperto o irriflessivo
1b. estens., giovane uomo: ha sposato un ragazzo in gamba, è proprio un bravo ragazzo | fam., spec. al pl., componente di un gruppo, membro di una squadra e sim: i ragazzi hanno giocato bene la scorsa domenica
2. CO fam., figlio: il tuo ragazzo è molto cresciuto dall’ultima volta che l’ho visto; al pl., con valore generico, figli e figlie
3. CO fam., giovane con il quale si ha un rapporto sentimentale, non necessariamente impegnativo: sono andata in vacanza con il mio ragazzo; fidanzato
4. CO garzone, giovane lavorante: il ragazzo del supermercato porta la spesa a domicilio | denominazione generica dei lavoratori ausiliari nelle aziende zootecniche: ragazzo di pecore
5. TS sport al pl., categoria giovanile comprendente atleti di età variabile a seconda degli sport | al sing., chi appartiene a tale categoria; anche in funz. agg.: categoria, campionato ragazzi
6. TS mar. => giovanotto
7a. LE mozzo di stalla: non vidi già mai menare stregghia | a ragazzo aspettato dal segnorso (Dante)
7b. LE servitore, valletto: almeno ti io cotanto d’onore, che io non mi pongo né con ragazzi né con tignosi (Boccaccio)

Polirematiche

città dei ragazzi
loc.s.f.inv.
CO
centro di accoglienza e rieducazione per ragazzi abbandonati
gioco da ragazzi
loc.s.m.
CO
cosa, azione estremamente facile: copiare il compito è stato un gioco da ragazzi
ragazzo copertina
loc.s.m.
CO
fotomodello la cui immagine compare sulle copertine dei periodici
ragazzo di bottega
loc.s.m.
CO
commesso, garzone con diverse mansioni
ragazzo di strada
loc.s.m.
CO
r. che trascorre molto tempo fuori dalla famiglia e dalla scuola, spec. dedicandosi a piccole azioni criminali
ragazzo di vita
loc.s.m.
CO
giovane che vive di espedienti, in condizioni di sottosviluppo ed emarginazione e che pratica la prostituzione
ragazzo padre
loc.s.m.
CO
scherz., giovane celibe con un figlio a carico
ragazzo squillo
loc.s.m.
BU
giovane che si prostituisce e viene contattato tramite appuntamento telefonico.
repubblica dei ragazzi
loc.s.f.
CO
città dei ragazzi
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.