rango

ràn|go
s.m.
1653; dal fr. rang, di orig. germ.

CO
1a. posizione, condizione di un individuo all’interno della struttura sociale; classe sociale, ceto | di rango, di alto rango, di primo rango, di estrazione sociale elevata, altolocato: una gentildonna d’alto rango | di basso rango, di rango inferiore, di bassa estrazione sociale; anche fig.: un pittore, un romanziere d’alto rango, di alta levatura
1b. grado, livello spec. di un alto funzionario o di un nobile: è stato elevato al rango di marchese, di sottosegretario
2a. TS milit. non com., fila di soldati disposti l’uno accanto all’altro; riga, ordinanza | estens., spec. al pl., formazione militare, schiera; entrare nei ranghi militari, arruolarsi nell’esercito
2b. CO estens., spec. al pl., insieme compatto di persone che appartengono a un medesimo corpo sociale, classe, organizzazione o sim.: confinato nei ranghi degli impiegati | estens., numero, novero: essere nel rango di coloro che beneficiano di determinati vantaggi
3. TS zool., bot. il livello di ciascuna delle categorie gerarchicamente disposte nella tassonomia, quali ad es. il genere, la famiglia, ecc.
4a. TS ling. ciascuno dei diversi livelli in cui si struttura la lingua, gerarchicamente subordinati gli uni agli altri; rango della frase, livello costituito dai sintagmi; rango dei sintagmi, livello costituito dai morfi o monemi; rango dei monemi, livello il cui versante significante è costituito dai fonemi; rango dei fonemi, livello costituito dai tratti distintivi dei fonemi
4b. TS ling. in linguistica statistica, posizione che una parola occupa in una lista di frequenza ordinata | il numero che indica tale posizione
5a. TS mat. => caratteristica di una matrice
5b. TS mat. con riferimento a una superficie algebrica, il numero r delle rette tangenti alla superficie e appartenenti a un determinato fascio
6. TS st.mar. nella marineria velica da guerra, ciascuna delle classi in cui venivano distinte le navi in relazione alla loro grandezza, al numero di ponti, di cannoni e al calibro di questi: vascello di primo, di secondo rango
7. TS tess. in maglieria, ciascuna fila di maglie considerata in senso orizzontale

Polirematiche

a ranghi ridotti
loc.avv.
CO
con un organico, con un gruppo di lavoro più piccolo del necessario o del consueto: lavorare a ranghi ridotti
d’alto rango
loc.agg.inv.
CO
grande
di alto rango
loc.agg.inv.
CO
importante
di basso rango
loc.agg.inv.
CO
sconosciuto, insignificante
in rango
loc.agg.inv.
TS milit.
al proprio posto nel reparto schierato | BU estens., in fila, allineato.
rientrare nei ranghi
loc.v.
CO
1. ritornare a occupare le funzioni precedentemente svolte
2. tornare ad avere una visione realistica della propria condizione, rinunciando a velleità o a sogni irrealizzabili.
rompere i ranghi
loc.v.
TS milit.
sciogliere lo schieramento
serrare i ranghi
loc.v.
CO
serrare le file
uscire dai ranghi
loc.v.
CO
comportarsi contrariamente alle norme o alle direttive ricevute
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.