ritaglio

ri||glio
s.m.
sec. XIII; der. di ritagliare.


CO
1. il ritagliare, spec. con le forbici: il ritaglio dei cartoncini ha richiesto molto tempo, riutilizzare gli scarti del ritaglio
2. resto, spec. di cartone, carta, stoffa o sim., che rimane dopo aver tagliato via la parte principale: ritagli di cartoncino, di cuoio, utilizzare un ritaglio di stoffa per fare un cuscino; ritagli di carne, di salmone, parti di minor valore che avanzano dalla prima scelta
3. fotografia, articolo e sim., ritagliato da un giornale o da una rivista e conservato per l’interesse che presenta: ho bisogno di un raccoglitore per tutti i miei ritagli

Polirematiche

a ritaglio
loc.agg.inv.
loc.avv. OB LE al minuto, al dettaglio: schiacciava noci e vendeva gusci a ritaglio (Boccaccio)
ritaglio di confezione
loc.s.m.
TS tess.
avanzo di tessuto usato per la confezione di fibre rigenerate
ritaglio di tempo
loc.s.m.
CO
spec. al pl., breve intervallo di tempo libero dalle occupazioni abituali: nei ritagli di tempo mi dedico alla lettura.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.