sconcezza

scon|céz|za
s.f.
av. 1347;


CO
1a. l’essere sconcio, contrario al decoro, alla convenienza e sim.: sconcezza di un gesto, di un comportamento, di una rivista
1b. cosa, azione, parola sconcia: fare, dire sconcezze
2a. l’essere contrario al senso estetico, bruttezza, ripugnanza
2b. cosa brutta, ripugnante, di cattivo gusto: quel grattacielo è una vera sconcezza
3. BU comportamento o discorso assurdo, insensato; sproposito | grave errore grammaticale o linguistico; svarione
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.