sorridere

sor||de|re
v.intr. e tr.
ca. 1250; lat. subrīdēre, con cambio di coniug., v. anche ridere; nell’accez. 1c cfr. fr. sourire.


FO
1a. v.intr. (avere) ridere lievemente, a fior di labbra, per esprimere soddisfazione, gioia, serenità dell’animo o assenso, simpatia e affetto: sorridere dolcemente, ironicamente, in modo malinconico, con malizia
1b. v.intr. (avere) fig., arridere, apparire propizio: a vent’anni la vita sorride, la fortuna gli ha sorriso
1c. v.intr. (avere) fig., andare a genio, piacere: mi sorride l’idea di partire, non mi sorride la prospettiva di tornare al lavoro
1d. v.intr. (avere) LE fig., del sole, splendere irradiando la propria luce: il sol che ritorna, ecco sorride | per li poggi (Leopardi)
2. v.tr. CO dire, proferire col sorriso o con tono affettuoso
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.