strano

strà|no
agg.
2ª metà XIII sec; dal lat. extranĕu(m), v. anche estraneo.


FO
1. che è diverso dal solito, dal normale, dal consueto: questo vaso ha una forma strana, è accaduto un fatto strano | con valore neutro, in costruzioni impersonali: mi sembra strano che non sia ancora arrivato
2. di qcn., che ha un modo di comportarsi o di pensare inconsueto, che non rientra nella norma: sei un ragazzo davvero strano, che tipo strano! | di discorso, atteggiamento, comportamento e sim., che denota stranezza, stravaganza, ecc.: ha un carattere decisamente strano
3. LE estraneo: quasi romito, e strano | al mio loco natio (Leopardi); anche s.m.: non che gli amici, ma gli strani ripigliare (Boccaccio) | straniero: non è sanza loda d’ingegno apprendere bene la lingua strana (Dante)
4. s.m. CO ciò che è o appare insolito, singolare: lo strano è che il film non ti sia piaciuto

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.