tatuaggio

ta|tu|àg|gio
s.m.
1836; dal fr. tatouage, der. di tatouer "tatuare".


 AU 
1a. pratica che consiste nell’eseguire sulla pelle disegni o pitture indelebili a scopo magico, rituale o decorativo, mediante iniezione di sostanze coloranti o scarificazione | estens., il disegno, la pittura così ottenute: farsi un tatuaggio sulla spalla, sull’avambraccio, un tatuaggio a forma di ancora
1b. impropr., decalcomania che imita tali disegni o pitture: applicare un tatuaggio a forma di cuore
2. TS med. reperto di ferite da arma da fuoco inferte a bruciapelo, costituito dalla penetrazione nel derma di particelle incombuste della miscela esplosiva
3. TS med. in oculistica, intervento chirurgico per il trattamento del leucoma, consistente nel tingere l’opacità corneale

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità