temerario

te|me||rio
agg., s.m.
1374; dal lat. temerarĭu(m) propr. “dovuto al caso”, der. di temere “alla cieca, sconsideratamente”.


CO
1a. agg., s.m., che, chi si espone ai pericoli senza riflettere o senza fondato motivo, spec. con un atteggiamento avventato: un giovane temerario; un’azione da temerari
1b. agg., che denota eccessiva audacia, avventatezza: un’impresa temeraria
1c. agg., estens., non ponderato, fondato su impressioni avventate: giudizio temerario
2a. agg., di qcn., che si comporta con audacia sfrontata, con impudenza: temerario, come osi parlarmi in questo modo!
2b. agg., che denota impudenza, sfrontatezza: quelle parole temerarie furono un vero insulto per lui

Polirematiche

lite temeraria
loc.s.f.
TS dir.
condizione di chi, in un giudizio civile, agisce con malafede o colpa grave, che comporta, per la parte perdente, la condanna alla rifusione delle spese e al risarcimento dei danni.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità