tempio

tèm|pio, tém|pio
s.m.
av. 1313; lat. tĕmplu(m) "recinto sacro".


 AU 

1a. CO nell’antichità e in alcune religioni orientali, edificio consacrato al culto di una o più divinità, di cui è considerato per lo più la dimora: i templi egiziani, greci, il tempio di Giove a Olimpia
1b. TS stor. solo sing., per anton., con iniz. maiusc., il tempio di Gerusalemme, sede ufficiale del culto religioso ebraico fino alla diaspora | estens., sinagoga
2. CO chiesa, spec. di grandi dimensioni: S. Pietro in Roma è il maggior tempio della cristianità, il tempio malatestiano di Rimini
3. CO estens., edificio dedicato al culto, alla memoria di qcn. o di qcs.: il tempio voltiano di Como
4. CO fig., luogo dove si svolgono attività o si coltivano valori ritenuti degni di particolare considerazione o venerazione: il tribunale è il tempio della giustizia, il Louvre è il tempio dell’arte
5. CO chi è depositario di qualche valore: quell’uomo è un tempio di saggezza
6. CO iperb. o iron., sede principale di una particolare attività e sim.: i templi dell’alta finanza
7. BU solo sing., l’ordine dei Templari


Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.