tenaglia

te||glia
s.f.
av. 1313; lat. tardo tenacŭla, pl. di tenaculum “pinza”.


1. AD spec. al pl., attrezzo di metallo costituito da due leve simmetriche incrociate e articolate mediante un perno, le cui parti più lunghe formano l’impugnatura mentre quelle più corte, ricurve e terminanti a spigolo acuto, sono adatte a sconficcare chiodi, tagliare fili di ferro, afferrare e stringere pezzi di metallo e oggetti vari: un paio di tenaglie; le tenaglie del fabbro, dell’idraulico, del falegname | cavar di bocca le parole con le tenaglie a qcn., riuscire a far parlare, anche se a fatica, qcn. che è restio
2. TS med. pinza per estrarre i denti
3. CO al pl., pop., le chele di scorpioni, granchi, ecc.
4. TS tecn. organo di presa di apparecchi di sollevamento e trasporto
5. TS st.milit. elemento delle opere di fortificazione del XVII secolo, a forma di tenaglia, che permetteva di far convergere i colpi su chi assaliva i bastioni
6. TS mar. nell’attrezzatura navale, dispositivo fissato a una struttura della nave e usato per legarvi le manovre
7. TS zoot. attrezzo usato per imprimere tatuaggi a inchiostro sulle orecchie del bestiame o applicarvi marche metalliche mediante perforazione
8. TS stor. => attanagliamento

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità